Barilli racconta Matteotti: la grande storia “a fumetti”
Una tavola de “Il delitto Matteotti”

Barilli racconta il delitto Matteotti: la grande storia “a fumetti”

Sabato (ore 17) la presentazione della graphic novel in municipio a Codogno

«La Storia è maestra solo se riesce a parlare agli uomini d’oggi. Se la si relega alla memoria insegna poco. Deve invece parlare al presente. Allora sì che istruisce davvero». Francesco “Baro” Barilli - scrittore e sceneggiatore padovano d’origine ma codognese d’adozione - la voce della Storia la trasmette attraverso la graphic novel, genere in cui si colloca Il delitto Matteotti la sua nuova opera centrata sul racconto di uno dei più tragici accadimenti dell’Italia del Novecento, l’uccisione il 10 giugno 1924 del deputato socialista Giacomo Matteotti ad opera di una squadra fascista capeggiata da Amerigo Dumini.

Francesco Barilli

Originale lo spunto narrativo utilizzato nell’opera: in uno studio radiofonico immaginario e ambientato ai nostri giorni uno speaker racconta in una trasmissione la storia di Matteotti, ad ascoltarlo due personaggi diversissimi, un nostalgico neofascista e un adolescente che ascolta la radio con le sue cuffiette.

L’opera è illustrata dal disegnatore Manuel De Carli ed è pubblicata da BeccoGiallo Editore. «L’assassinio Matteotti manifesta la vera faccia del fascismo e trasforma un regime già illiberale in feroce dittatura – sottolinea Barilli – . Questo è il punto fermo da cui con De Carli siamo partiti. Contestualizzando però il fatto, narrando come si è arrivati a questa uccisione e cosa questa uccisione ha poi generato. E cercando di raccontarlo ai cittadini d’oggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.