Tra arte e note è un weekend “a tutta mostre”
Un’opera di Vailetti alla Centropadana di Lodi: la mostra chiude domenica 2 dicembre

Tra arte e note è un weekend “a tutta mostre”

Numerosi gli appuntamenti in corso, in apertura o in chiusura tra Lodi e San Martino in Strada

Da Lodi a San Martino, nel segno della creatività. Sono numerosi gli appuntamenti in scena per gli appassionati d’arte del Lodigiano. Oltre alla mostra su Benito Vailetti, che si conclude domenica 2 dicembre nella sede della Banca Centropadana di Lodi (corso Roma, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, a ingresso libero) e alle Stanze della Grafica allo Spazio Bipielle Arte di via Polenghi (il sabato, la domenica e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, con l’evento “Addio mia bella signora. Le vecchie canzoni del cuore”, cantate da Bruno Pezzini con Luca Consolandi al pianoforte, sempre domenica 2 alle ore 16), anche il Caffè Letterario, nel capoluogo, e la biblioteca di san Martino in Strada ospitano due vetrine molto originali.

Una dimostrazione di Teodoro Cotugno

Nella città del Barbarossa gli appuntamenti sono due, uno al sabato e uno alla domenica. Il primo è in programma al Caffè Letterario di via Fanfulla, dove l’apericena sarà accompagnato dalla mostra con ricavato a favore dell’Adica e dei suoi ospiti a quattro zampe frutto del lavoro di 25 artisti, che al migliore amico dell’uomo, il cane, hanno dedicato le loro opere: domenica invece al Museo della Stampa e della Stampa d’arte di via della Costa quattro grandi incisori lodigiani (Paola Maestroni, Teodoro Cotugno, Vittorio Vailati e Luigi Maiocchi) daranno dimostrazioni pratiche presentando nuove grafiche a tiratura limitata in vendita a prezzi straordinari, mentre Gabriele Vailati sarà protagonista della mostra di disegni curata da Tino Gipponi.

Paolo Monico, in arte Edgar

Last but not least, l’appuntamento di sabato 1 a San Martino in Strada, alle ore 21 in biblioteca, dove Edgar, al secolo Paolo Monico, il “Basquiat di Caviaga”, talentuoso paladino della trip-art, esporrà alcune opere realizzate ad hoc per una serata all’insegna della pittura e e... della musica, grazie a Edda, nome d’arte di Stefano Rampoldi, cantautore milanese e personaggio “cult” della scena rock italiana degli anni ‘90 con i Ritmo Tribale, band “seminale” del periodo. La mostra di Edgar resterà poi aperta sino al 16 dicembre tutti i giorni dalle 15.30 alle 18.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.