“Fuori e dentro” Roby Cantafio, il rock contro i pregiudizi
Roby Cantafio sul palco

Uscito il nuovo album di Roby Cantafio, chitarrista di Melegnano

“Fuori e dentro di me” riassume due anni di lavoro compositivo e tre decenni di palcoscenico

È uscito nei giorni scorsi Fuori e dentro di me di Roby Cantafio: l’album completo del cantautore melegnanese che segue il singolo Il mondo che trema. Quest’ultimo è accompagnato da un video, visibile su tutte le principali piattaforme, che ha un motivo in più di legame con il territorio in quanto girato all’ex Consorzio Agrario di Melegnano, in un ambiente suggestivamente decadente prima che intervenissero le ruspe a cancellare i vecchi silos. L’album riassume due anni di lavoro compositivo e tre decenni di palcoscenico.

Si conclude quindi un lavoro che negli ultimi mesi ha visto Cantafio partecipare anche a diverse date della Notte delle chitarre condividendo il palco con mostri sacri come Maurizio Solieri, Rocky Portera, Vince Pastano, Stef Burns e altri.
«I brani sono piuttosto diversi fra loro - annota l’artista melegnanese - Ho scritto delle ballads romantiche, tipiche di una certa tradizione tricolore, e altri pezzi con una concezione più anglosassone e chitarre pronunciate; ci sono canzoni che parlano d’amore e altre che invitano a un utilizzo più umano della tecnologia, a saper dominare la rivoluzione attuata dal digitale e dai social».
E conclude: «Ho voluto parlare dei miei affetti più cari o indicare la maldicenza e l’essere sempre pronti a giudicare, atteggiamenti che inquinano i rapporti umani nel contesto di oggi. Il mondo che trema esprime proprio il senso di un vivere in cui tutti osservano tutti in tempo reale, e la conseguenza generale è un aumento dell’ insicurezza anzichè della sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.