Un volto di donna nel Quartetto Prometeo
Il Quartetto Prometeo

Un volto di donna nel Quartetto Prometeo

L’ensemble del lodigiano Aldo Campagnari celebra l’ingresso di Danusha Waskiewicz al posto di Massimo Riva

Non sarà una “rivoluzione”, ma è comunque più di un tocco. In “rosa”, comunque, perché il volto e il suono sono quelli di una donna. Una cosa è certa: per il Quartetto Prometeo, è iniziata una nuova era. L’apprezzato ensemble che vanta nelle sue file il lodigiano Aldo Campagnari, ha registrato un cambio di formazione: al posto di un’autentica colonna come Massimo Riva, è arrivata una stella luminosa quale quella di Danusha Waskiewicz.

Aldo Campagnari

Origini polacche, formazione tedesca, la new entry del quartetto d’archi vanta una carriera costellata da collaborazioni di spicco come prima parte nelle massime orchestre europee nonché a fianco di prestigiosi solisti. «Sostituire Piva non è stato semplice - spiega Campagnari -. Occorreva trovare una personalità altrettanto forte ed interessante, e permetterle di esprimersi in totale libertà. Con Danusha l’abbiamo trovata. Il suo apporto, fatto di un suono elegante e morbidissimo, quasi da violino basso, è stato fin dall’inizio uno stimolo nuovo a cui ispirarci e affidarci».

Il debutto del nuovo Quartetto Prometeo è fissato per il 24 settembre al Bologna Festival: «Una prova del fuoco, dove ad attenderci ci sono pagine ostiche e per nulla “accomodanti”: Berg, Stravinsky, Berio. Affrontarlo con un’artista come Danusha è uno stimolo a cercare anche in noi nuovi orizzonti», riprende Campagnari. L’intesa con l’ultima arrivata, d’altronde, è stata immediata: «Sin dalle prime prove, è stato come se ci conoscessimo da sempre», chiosa il musicista lodigiano; se il buongiorno si vede dal mattino, il Prometeo ha davanti a sé una stagione davvero interessante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.