Un festival blues “sotto il sole”
Lodi presentato il Blues Festival: Mike Zito e Maurizio Fenini sul balcone di Palazzo Broletto

Un festival blues “sotto il sole”

Presentata la decima edizione della rassegna: domenica l’apertura con Mike Zito

Mike Zito, Francesco Piu, Fabio Treves e Maurizio Fenini sono gli assi che tra domenica e il 10 agosto animeranno la decima edizione del “Lodi blues festival”. I tre appuntamenti, inseriti nel calendario di “Lodi al Sole”, si terranno in piazza della Vittoria: si parte domenica sera (ore 21.30) con il concerto dell’ospite d’onore, Mike Zito, straordinario chitarrista americano dalla voce soul che fonde sapientemente blues e rock esaltando le sue radici texane.

Si parte quindi domenica sera con il concerto dell’ospite d’onore, Mike Zito, straordinario chitarrista americano dalla voce soul che fonde sapientemente blues e rock esaltando le sue radici texane. Il secondo evento è in programma venerdì 27 luglio: sul palco davanti al Duomo salirà Francesco Piu, vecchia conoscenza del “Lodi blues festival” e tra i più quotati bluesman nel panorama italiano. La festa della “musica dell’anima” si chiuderà venerdì 10 agosto: Maurizio Fenini, giovane e strepitoso chitarrista lodigiano, aprirà in solitaria il concerto del “Puma di Lambrate”, il mitico Fabio Treves, in scena con la sua storica Blues Band.

“Lodi blues festival” risale al 2007: «Quella tra Lodi e il blues è una lunga storia d’amore – spiega Gianni Ruggiero di Slang Music, la società che organizza la rassegna -. Grazie all’amministrazione che ha creduto ancora nella musica di qualità. Siamo orgogliosi di aprire il Festival 2018 con un artista top nel circuito mondiale come Mike Zito». Tra i protagonisti anche Fabio Treves: il “Puma di Lambrate” ha voluto salutare i colleghi via telefono in viva voce: «È sempre un piacere tornare a Lodi: porterò un po’ di buona musica» ha detto.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino in edicola venerdì 13

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.