Una mostra di libri antichi apre la festa della lettura
Sopra la presentazione di LibriAmo (al centro l’assessore Maria Rapelli)

Una mostra di libri antichi per aprire la festa della lettura

Sabato mattina (alle 11) l’inaugurazione al vecchio ospedale Soave di Codogno

Sarà una festa per appassionati e studiosi dei libri. Tra preziosi volumi antichi, incunaboli del 1400 e manoscritti del Settecento si apre a Codogno la seconda edizione di “LibriAmo – Invito alla lettura”, kermesse promossa dall’assessorato comunale alla cultura che attraverso essa celebra amche i 120 anni della fondazione della civica biblioteca codognese “Popolare – Luigi Ricca”.

La mostra di libri rari antichi e di pregio (circa una novantina) che rappresentano i “gioielli” della civica biblioteca codognese “Popolare – Luigi Ricca” aperta al Soave è uno dei momenti centrali del salone del libro di Codogno: la mostra si inaugurerà sabato alle 11, ma già alle 10.15 è prevista una visita guidata condotta dagli alunni del liceo Novello di Codogno (visite possibili alle 10.15 ogni sabato e domenica di apertura della mostra).

Tra presentazioni di libri, laboratori didattici e per bambini, serate del ciclo “Lib(e)ri di viaggiare”, sono numerosi gli eventi in programma. Per i libri si segnalano l’incontro del 20 maggio con il dottor Pierdante Piccioni (che presenterà il suo secondo libro edito da Mondadori “Pronto Soccorso”) e la conferenza del professor Mario Giuseppe Genesi sul fondo chitarristico codognese, con il concerto con chitarre storiche dell’epoca del chitarrista Giacomo Parimbelli.

«Questa edizione porta in visione la bellezza e l’importanza di una selezione dei testi più antichi posseduti dalla nostra biblioteca – ha sottolineato in conferenza stampa l’assessore alla cultura Maria Rapelli -. Occasione unica, per capire quanto Codogno, anche in passato, abbia sposato la cultura e il sapere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.