La Passione entra in musica nelle stanze dell’anima

La Passione di Morini emoziona Sant’Agnese

A Lodi venerdì sera nella chiesa di via Marsala si è tenuta la prima esecuzione del lavoro di Morini con la Cappella musicale della Cattedrale

Una pioggia, sì, ma di applausi. Mentre il cielo preparava un altro fine settimana di acqua sul Lodigiano, nella chiesa di Sant’Agnese, venerdì sera, è stata solo ed esclusivamente festa. E commozione, con tanto di complimenti, per l’esecuzione che la Cappella musicale della Cattedrale di Lodi è riuscita a offrire della Passio domini nostri Jesu Christi secundum Joannem di Guido Morini.

Il coro e i musici diretti da don Piero Panzetti alla chiesa di Sant’Agnese

Morini, cui la Cappella della Cattedrale ha commissionato l’opera , non ha voluto discostarsi dalla linea tracciata dalle molteplici composizioni storiche dedicate alla passione di Cristo, utilizzando una scrittura che si rifacesse al periodo tardo rinascimentale/barocco, pur non tralasciando nei suoi lavori alcuni espedienti e passaggi riconducibili al moderno: «Sono molto soddisfatto dell’ottimo esito esecutivo della scorsa sera - ha commentato a caldo il compositore, che è anche organista e clavicembalista -: conoscendo il gruppo corale guidato dal maestro don Panzetti non avevo dubbi sulla buona uscita del lavoro».

Un elogio che incornicia un’emozione iniziata fin dall’ingresso dei cantori, in silenzio, le voci bianche in tunica rossa, poi i soprani, i contralti e di seguito bassi e tenori in tunica bianca. Solo alla fine è entrato don Piero Panzetti, rivolgendosi al pubblico con parole di lode nei confronti della musica. Per ricordare che «Il suono raggiunge stanze irraggiungibili, arrivando dove la parola non può arrivare». Sono le stanze dell’anima, dove la Passione batte più forte.

Leggi l’approfondimento sull’edizione de “il Cittadino” in edicola lunedì 12 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.