Satta dà ritmo a “L’animo gentile”
Gianni Satta

Satta dà ritmo a “L’animo gentile”

L’esibizione del trombettista spicca tra i numerosi eventi nel weekend all’esposizione di palazzo Barni

Lodi

Un poker di appuntamenti nel fine settimana tra Lodi e dintorni per la mostra “L’animo gentile” in corso a palazzo Barni di Lodi fino al 31 gennaio. Tra i capolavori di Giovanni Agostino da Lodi, Vincenzo Irolli, Beppe Novello e degli altri maestri in vetrina, gli eventi collaterali hanno visto protagonista sabato Gianni Satta, la cui tromba ha accompagnato i visitatori da corso Vittorio Emanuele alla Sala della Musica della Fondazione Cosway. Il musicista di Livraga è stato affiancato al pianoforte di Fabrizio Trullu, già suo affiatato sodale in numerosi occasioni.

Gianni Satta e Fabrizio Trullu nella sala della musica della fondazione Cosway

Sempre sabato pomeriggio, a grande richiesta, lo storico dell’arte Mario Marubbi ha bissato la visita guidata a palazzo Barni; domenica oltre al “tour fuori porta” a Codogno per la visita dei quadri di Cesare Magni “Natività” e “Madonna con Bambino e Santi” di scuola “leonardesca”, l’appuntamento a Palazzo Barni ha visto Marina Arensi, giornalista de “il Cittadino” e collaboratrice della mostra, la restauratrice Lucia Laita e la storica d’arte Elena Lissoni relatrici dell’incontro dedicato all’”ospite illustre” della mostra, il quadro di Giovanni Agostino da Lodi.

L’incontro di domenica (seduti in prima fila l’assessore Maggi e il presidente della Fondazione Comunitaria Vitaloni), a destra Marina Arensi

Nei giorni scorsi la mostra di Palazzo Barni, uno degli eventi più importanti della stagione culturale lodigiano, ha toccato un nuovo record. L’esposizione ha toccato quota 4mila visitatori: il traguardo è stato tagliato grazie al presidente della Canottieri Adda Beppe Sala, in visita con la moglie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.