«Ciao Roby, te ne sei andato» Poste in lutto per un impiegato
Roberto Rossi

Poste in lutto per Roberto Rossi

Il 64enne di Borghetto aveva lavorato a Lodi e a San Colombano

ed era il coordinatore della Protezione civile di Massalengo

Matteo Brunello

«Ciao Roby, te ne sei andato anche tu». È pieno d’affetto e cordoglio l’addio dei colleghi a Roberto Rossi, impiegato delle Poste e vice direttore dello sportello di San Colombano. Il 64enne, residente a Borghetto, si è spento lunedì, dopo aver lottato contro il temibile Covid-19.

«Alla straziante contabilità si aggiunge il tuo nome – scrive Rocco Lamparelli dell’ufficio Postale Lodi Due, Zona Fanfani -. Ma non è nell’anonimato e solo che te ne andrai, perché non eri un signor Rossi qualunque, sì perché a dispetto del tuo cognome noi colleghi degli uffici del Lodigiano di Poste ti ricorderemo sempre disponibile, tranquillo nello svolgere il tuo lavoro». Rossi aveva svolto una lunga carriera nelle Poste: dopo un impegno nella sede di via Fascetti a Lodi, nel settore del commerciale, era diventato il sostituto del direttore all’ufficio di San Colombano ed era ormai prossimo alla pensione.

«Anche tu Roby, cercavi di essere utile al paese e alle realtà territoriali dove svolgevi il tuo lavoro ed è per questo che non possiamo dimenticarti perché eri veramente uno di noi - è il pensiero di un collega -, un lavoratore di Poste che, nell’ombra, faceva, al meglio delle sue possibilità, il suo dovere». Trapela anche un po’ di rabbia e scoramento per quanto accaduto, tra le persone e i lavoratori che lo conoscevano: «Anche tu in prima linea esposto ad un nemico invisibile nel nome di un servizio “essenziale” e vorremmo proprio sapere quali sono stati questi servizi essenziali», sottolinea Lamparelli.

Anche il Comune di Massalengo ha voluto unirsi al lutto per la scomparsa dell’impiegato delle Poste, con un pensiero di ricordo espresso direttamente dalla bacheca “social” dell’ente, perché il 64enne è stato anche impegnato nella Protezione civile del paese: «È appena mancato l’amico Roberto Rossi per tanti anni coordinatore del gruppo comunale di Protezione civile. L’amministrazione comunale tutta e il gruppo di protezione civile porgono le più sentite condoglianze alla famiglia».

Intanto le Poste continuano a fare i conti con il contagio. L’effettivo svolgimento del servizio dipende giorno per giorno dalla disponibilità di personale, assente in molti casi per malattia o quarantena. Una situazione di questo genere si manifesta in diversi uffici postali, a partire da quello di San Colombano, ormai chiuso da giorni proprio per malattia del personale. L’elenco delle aperture, in questa fase, a giorni alterni rimane comunque confermato per tutto il territorio, avevano fatto sapere da Poste Italiane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.