In viaggio un mese in Lambretta per scoprire il Vietnam “segreto”
Il 72enne Tino Sacchi nella sua casa di Paullo

In viaggio un mese in Lambretta, alla scoperta dei segreti del Vietnam

L’avventura su due ruote del 72enne Tino Sacchi

Emiliano Cuti

Un viaggio su due ruote lungo un mese, che Tino Sacchi, 72 anni di Paullo, ha vissuto in sella alla Lambretta. A novembre, con undici compagni (un plotoncino composto da sei Vespe e sei Lambrette) è partito alla scoperta di un itinerario disegnato nel Nord del Paese, da Hanoi alle cascate di Ban Gioc, per raggiungere il confine con la Cina. «Ero l’unico italiano del gruppo, amici appassionati di questi pezzi da museo come me - racconta il lambrettista di casa -. C’erano vespisti e lambrettisti dalla Germania, dagli Stati Uniti e dall’Australia». Le tappe della “spedizione”, che è durata un mese, sono state scelte da un inglese, che a Saigon ha creato un’attività per la realizzazione di ricambi per moto storiche, come appunto quelli della storica Innocenti su due ruote.

«L’idea del viaggio è nata proprio da questa conoscenza, per me è stata la prima volta in Vietnam, non il debutto rispetto a simili imprese, anche se più spesso ho esplorato il Sahara - dice Sacchi -. Precedentemente imbarcavo la mia Lambretta (Sacchi ne colleziona più di 70, ndr) e seguivo il programma di volta in volta studiato. Questa volta la Lambretta l’ha messa a disposizione il mio amico. E dopo il viaggio in aereo, con arrivo ad Hanoi, ho trovato lo scooter ad attendermi».

Muoversi in moto per il paullese significa assaporare il territorio, gustarlo ogni chilometro macinato, senza perdersi nulla. Farlo in Lambretta, è come portare con sé la propria identità, «qualcosa che ti rappresenta». Certo non è semplice, ma è soprattutto questo il bello per il 72enne di Paullo: «Io non voglio essere un turista, ma un viaggiatore, voglio scoprire, conoscere, apprezzare, attraverso un percorso che rappresenta una sfida».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.