Rifiuti, quattro depositi irregolari emersi dalle indagini targate Arpa
I relatori che hanno illustrato le problemaiche al convegno

Rifiuti, quattro depositi irregolari emersi dalle indagini targate Arpa

In un convegno a Lodi illustrati problemi e rischi delle discariche abusive e le possibili infiltrazioni criminali

Da sette controlli mirati di Arpa Lombardia nel Lodigiano sono stati individuati quattro siti di stoccaggio di rifiuti non a norma: questo quanto emerso dai dati Arpa (Agenzia regionale protezione ambientale), presentati ieri in Provincia di Lodi nell’ambito del convegno “Discariche abusive ed ecotassa: correlazioni e recupero dell’evasione tributaria”. Durante il suo intervento Fabio Cambielli, dirigente dell’Unità operativa attività produttive e controlli di Arpa Lombardia, ha illustrato le nuove strategie di controllo adottate, in collaborazione con le forze dell’ordine.

Il tenente colonnello Massimiliano Corsaro, del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, ha invece spiegato l’evoluzione delle pratiche criminali di smaltimento dei rifiuti: «Veneto e Lombardia sono le regioni maggiormente interessate dagli incendi, dato che hanno il maggior numero di impianti di trattamento dei rifiuti - 3500 solo in Lombardia - e un terzo dei termovalorizzatori italiani - 13 in Lombardia».

Il Lodigiano non è una zona particolarmente critica, ma può essere soggetta ad abbandono di rifiuti e ad incendi proprio per la presenza numerosa di capannoni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.