Droga nelle stazioni ferroviarie, offensiva dei carabinieri nel Sudmilano
I carabinieri in azione

Droga nelle stazioni ferroviarie, offensiva dei carabinieri nel Sudmilano

Blitz a San Donato, Borgolombardo, San Giuliano, San Zenone e Melegnano: quattro arresti per spaccio, uno per evasione e uno per ricettazione

Cacciati dal boschetto della droga di Rogoredo, pusher e spacciatori hanno invaso il Sudmilano. Trasformando le stazioni ferroviarie di San Donato, Borgolombardo, San Giuliano, San Zenone e Melegnano nelle nuove piazze dello spaccio dell’hinterland. Da qui l’offensiva dei carabinieri della compagnia di San Donato, che ha portato all’arresto di quattro persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, una per evasione e una per ricettazione, mentre sei tossicodipendenti sono stati proposti per il foglio di via. Sotto sequestro 5 etti circa di sostanze stupefacenti, tra cui cocaina, eroina, hascisc e marijuana.

L’operazione, iniziata sabato scorso, è proseguita nella giornata di ieri. Dalle 7 di mattina fino alle 19 i reparti della compagnia sono stati affiancati dal nucleo di intervento operativo di Milano per passare al setaccio gli scali, le aree campestri circostanti e i parcheggi situati nelle vie più vicine. In tutto sono stati schierati una trentina di militari in divisa e una decina di colleghi in borghese.

La droga sequestrata

Il comando dell’Arma ha ricevuto in questi giorni una serie di segnalazioni riguardanti il fenomeno del consumo di droga e delle processioni di disperati lungo i binari verso le capanne di fortuna che crescono nella zona e le cascine in rovina divenute stanze del “buco”. La risposta delle forze dell’ordine è stata una bonifica in grande stile, che proseguirà nei prossimi giorni con servizi di controllo su auto “civetta” e presidi in divisa “ad alta visibilità” per liberare una volta per tutte il territorio dalla colonizzazione di spacciatori e clienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.