Parco dei Giganti, si fa piazza pulita: ruspe in arrivo sugli orti abusivi
Entro fine novembre passeranno le ruspe sugli orti abusivi del Parco dei Giganti

Parco dei Giganti, si fa piazza pulita: ruspe in arrivo sugli orti abusivi

San Giuliano, cala il sipario su una ventina di appezzamenti

Entro fine novembre passeranno le ruspe sugli orti abusivi del Parco dei Giganti. Verrà fatta piazza pulita della ventina di appezzamenti che da anni vengono coltivati, senza alcuna autorizzazione da parte del Comune, da un gruppo di cittadini con il pollice verde. Con l’obiettivo di riqualificare l’area, l’amministrazione di Marco Segala nell’aprile scorso ha infatti emesso un’ordinanza con la quale ha lasciato tempo agli hobbisti fino alla fine dell’estate per eliminare tutti gli attrezzi e i manufatti collocati sul suolo pubblico. Il provvedimento ha dunque consentito ai diretti interessati di raccogliere la verdura nel periodo estivo, che è il più propizio per le coltivazioni, ma a termine ormai scaduto a questo punto è in programma un’azione coattiva che troverà seguito nelle prossime settimane.

Pertanto chi non avesse provveduto a ritirare gli strumenti del mestiere dovrà intervenire nel breve termine. Dal momento che il Comune non conosce tutti i singoli ortisti già nei mesi scorsi ha affisso degli avvisi per comunicare la decisione che è stata intrapresa. Si sta così per chiudere definitivamente un capitolo che era stato anche al centro di alcune cause legali, che sono state vinte dall’ente, in quanto qualche gestore abusivo pensava di avere maturato dei diritti legati all’utilizzo continuativo dei rettangoli di terreno.

Il sindaco Segala

Il sindaco Marco Segala annuncia: «Nel bilancio di previsione che approveremo a breve in giunta è già previsto un appostamento per valorizzare la parte di Parco dei Giganti che sino ad ora è stata occupata dagli orti abusivi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.