“Coca” nella stanza dell’ospite, patteggia un anno di carcere
La caserma dei carabinieri di Paullo

“Coca” nella stanza dell’ospite, patteggia un anno di carcere

Condanna per un italiano che aveva ospitato dei marocchini agli arresti domiciliari

Comazzo

Un anno di reclusione e 3mila euro di multa: è la pena patteggiata da un 51enne di Comazzo per l’accusa di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. Nonostante l’uomo non avesse precedenti, l’accordo tra difesa e procura ha escluso il beneficio della sospensione condizionale della pena, ma è stata riconosciuta l’ipotesi della “modica quantità”. Nella casa del lodigiano, all’inizio di giugno, i carabinieri di Paullo avevano trovato quasi un etto di cocaina, allungata però con sostanze da taglio.

L’uomo aveva sostenuto di non sapere nulla della sostanza. Alcune settimane prima però era stato segnalato come tossicomane. Saputo che in una frazione di Comazzo c’era qualcuno che spacciava, i militari avevano controllato la sua abitazione, in cui era ospite, in regime di arresti domiciliari, un marocchino pregiudicato di 38 anni. Nella stanza in uso allo straniero, che ha già patteggiato 18 mesi, c’era la droga, nascosta in una pulsantiera della luce.

Il nordafricano aveva anche 880 euro in contanti, ma a sua volta sosteneva di essere “pulito” e di non sapere niente della droga. A quel punto era stata perquisita l’intera abitazione e, sollevato un piatto doccia che era appena appoggiato ma non sigillato, è stato trovato un bilancino di precisione.

Il proprietario dell’abitazione aveva ipotizzato che forse quel materiale potesse essere stato abbandonato da qualcun altro che era stato da lui ospitato ai domiciliari tempo prima. Ma la procura non ha creduto a questa versione e così la scelta, per entrambi, ospite e padrone di casa, di trovare un accordo sulla pena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.