Lodi, terribile schianto sulla Sp 202: è morto il 46enne Manlio Zambon
Il recupero della motocicletta

Lodi, terribile schianto sulla Sp 202: è morto il 46enne Manlio Zambon

L’incidente in moto attorno alle 18 sulla strada tra Lodi e Montanaso Lombardo

Lodi

La frenata di oltre venti metri, di cui è rimasta traccia sull’asfalto, non è bastata a rallentare a sufficienza la velocità della moto: lo schianto con un’auto è stato violentissimo. È morto giovedì pomeriggio sulla provinciale 202 per Montanaso Manlio Zambon, 46enne di Montanaso ma residente a Corte Palasio, padre di due bambine. In ospedale è arrivato in condizioni disperate e i medici del Pronto soccorso hanno fatto tutto il possibile per salvarlo, invano.

Sia la moto, una Yamaha R6 di grossa cilindrata, che l’auto, sono state poste sotto sequestro dalla polizia locale, intervenuta per i rilievi, mentre la provinciale è rimasta chiusa per oltre un’ora e mezza dopo lo schianto in entrambe le direzioni.

«Quando ho svoltato per entrare nel parcheggio l’ho visto ancora lontano che usciva dalla curva, ma un attimo dopo me lo sono trovato addosso», dichiara ancora sotto shock il conducente della Fiat Punto coinvolto nell’incidente. Quest’ultimo arrivava da Lodi e dopo la rotonda della Lidl, prima di giungere all’autolavaggio self service, ha svoltato verso Arredissima, dove lavora. Era uscito quasi del tutto dalla sede stradale, ma il centauro, in arrivo da Montanaso, lo ha colpito nella parte posteriore della fiancata. La moto si è “piantata” contro l’auto, e il 46enne è rimasto a terra immobile.

Inizialmente, benché il motociclista fosse incosciente, non è stata subito evidente la gravità della situazione. Sembrava non fosse necessario nemmeno il sequestro dei mezzi. L’uomo poi è stato intubato dai sanitari del 118 arrivati sul posto e portato al Pronto soccorso di Lodi, ma qui è arrivato in condizioni già molto gravi, con una sospetta frattura cranica, lesioni ai polmoni e la necessità di praticare anche un massaggio cardiaco. Alle 19.30 di giovedì è stato dichiarato il decesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.