«Il bosco di Zivido sta bruciando», ma è solo uno scherzo su Facebook
Nessun incendio nel bosco di Zivido

«Il bosco di Zivido sta bruciando», ma è una burla di cattivo gusto sui social

Individuato il giovane di San Giuliano responsabile, che si è difeso dicendo che il suo cellulare gli era stato sottratto

«Il bosco di Zivido sta bruciando e nessuno interviene». La voce gira dopo un post su Facebook e scatena l’allarme in città. Poche righe pubblicate sulla piattaforma social, forse per gioco, forse per superficialità o leggerezza e lunedì sera San Giuliano ha vissuto un ingiustificato, ma nell’immaginario collettivo realissimo, allarme incendio. Responsabile sarebbe un ventenne individuato quasi subito, quando sono scattate le ricerche. Intanto però la macchina dei soccorsi si era messa in funzione. Per niente.

Il ventenne avrebbe spiegato che l’intento degli amici era quello di creare un «post ironico che avrebbe dovuto far riflettere sull’emergenza Amazzonia». Come confermato dal sindaco Marco Segala, però, il caso ha rischiato di creare non pochi problemi.

Il primo cittadino si è precipitato sul posto. Al bosco dei Giganti sono arrivati anche i carabinieri, per «ritrovarsi davanti al nulla». A quel punto i vigili del fuoco, che erano in preallarme, sono stati bloccati.

Segala sostiene che questa vicenda «fa arrabbiare, e molto». «Perché non solo ogni volta che c’è un allarme si sostengono costi, ma si impegnano anche uomini e mezzi che, in caso di una emergenza reale, avrebbero avuto difficoltà ad intervenire. Quello che è successo ha un nome preciso, procurato allarme, ed è bene ricordare che si tratta di un reato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.