Rogo di rifiuti a Codogno, le reazioni politiche
I vigili del fuoco al lavoro per domare l’imponente incendio

Rogo di rifiuti a Codogno, le reazioni politiche

Baffi (Pd): «Il fenomeno va assolutamente arginato». L’assessore regionale Cattaneo: «L’episodio non dà motivo di allarme»

«Sono molto preoccupata per quanto accaduto a Codogno in queste ore, non solo per gli aspetti legati alla salute dei cittadini e per i danni ambientali che ne possono conseguire, ma anche per i motivi che hanno portato a questo ennesimo incendio in Lombardia», è il commento di Patrizia Baffi, consigliere regionale del Pd, in seguito al rogo del capannone nel polo industriale della Triulza. Se l’esponente del Pd chiede che il fenomeno degli incendi di rifiuti venga arginato, l’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, afferma: «È un episodio critico, ma che non dà motivo di allarme».
«Guardando al caso specifico, ma ragionando anche in termini generali - ha spiegato Cattaneo - confermiamo che l’impegno della Regione Lombardia, sia in termini di prevenzione che di controllo, è costante e la guardia è sempre alta».

Diverso il parere di Baffi: «Il fatto stesso che dopo l’intervento di Arpa Lombardia l’amministrazione comunale abbia diramato l’avviso di tenere porte e finestre ben chiuse, la dice lunga sulla natura del fumo che si sta sprigionando e raggiunge persino le case. E purtroppo non è la prima volta che accadono fatti del genere».

Sull’episodio è intervenuta anche Legambiente, che chiede lo stop alle autorizzazioni allo stoccaggio di rifiuti. Dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia: «Il susseguirsi di questi eventi ci pone di fronte alla necessità di affrontare il problema alla radice. Considerati i troppi incidenti chiediamo di riconsiderare le autorizzazioni ad impianti che incappano in casi di questo tipo e che non vengano concesse ulteriori autorizzazioni per depositi di rifiuti. Visto che prevenire è meglio che curare crediamo che le aziende che si occupano di gestione dei rifiuti dovrebbero dotarsi obbligatoriamente di un sistema di sorveglianza anche la notte per garantire la sicurezza, soprattutto laddove sono presenti materiali potenzialmente infiammabili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.