Giallo sul progetto della casa di riposo, per l’opposizione i numeri non tornano
Il consigliere Alberto Marchesin

Giallo sul progetto della casa di riposo a Borgo, per l’opposizione i numeri non tornano

Sotto la lente della lista “Borgo Cambia Verso” il valore a cui è stata venduta la piena proprietà del terreno che ospiterà la struttura

Al centro del contendere ci sono i numeri e non sono variazioni di poco conto. Perché quel che non torna all’opposizione di “Borgo Cambia Verso”, guidata in consiglio dal consigliere e capogruppo Alberto Marchesin, è il valore a cui è stata venduta la piena proprietà del terreno di poco più di 16mila metri quadrati accanto al municipio, destinato ad accogliere la nuova casa di riposo. Ovvero quei 275mila euro emersi dalla perizia giurata commissionata dal Comune per la cessione del diritto di superficie. È giallo, a Borgo San Giovanni, sul progetto per realizzare una residenza socio-assistenziale per anziani e in particolare sul passaggio di proprietà del terreno individuato dall’amministrazione comunale per lo sviluppo di una struttura dedicata alla terza età.

Un sogno rincorso a lungo dal sindaco Nicola Buonsante, oggi arrivato ad una svolta, dopo il bando pubblico per la vendita del terreno, aggiudicato a una società leader del settore, come la Sereni Orizzonti Spa, gruppo friulano già presente in dieci regione italiane, con 85 strutture, di cui 75 case di riposo e 10 comunità per minori. L’appuntamento con il notaio era già stato fissato in luglio, ma poi è saltato per una documentazione mancante e deve essere riprogrammato. Ed è in questo lasso temporale, che l’opposizione di “Borgo Cambia Verso” ha mosso alcuni rilievi al Comune, con la collaborazione di un tecnico di fiducia, su quelle che definisce incongruenze importanti tra gli atti pubblici.

«Nell’avviso pubblico del bando di gara però non viene mai riportato nel testo che si tratta di vendita del solo diritto di superficie e non si potrebbe vendere un’area in piena proprietà quando tutte le delibere predisposte parlano di diritto di superficie, a meno che l’amministrazione non abbia modificato e rettificato le delibere stesse» spiega Marchesin.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.