Ambasciatrice per un giorno, Silvia Mallamaci alle Nazioni unite
Silvia Mallamaci è studentessa di Giurisprudenza all?Università Statale di Milano

La casalina Silvia Mallamaci ambasciatrice per un giorno all’Onu

La studentessa di Giurisprudenza ha partecipato a una sessione straordinaria dell’Assemblea generale

La casalina Silvia Mallamaci ambasciatrice per un giorno all’Onu. Il segreto per un accordo fra gli Stati? «Trovare un punto d’incontro». È ciò che ha fatto la 23enne, studentessa di Giurisprudenza all’Università Statale di Milano, come rappresentante del Guatemala nella sessione “straordinaria” dell’Assemblea generale che si è tenuta nei giorni scorsi a New York mobilitando i giovani di tutti i Paesi del mondo. A loro il compito di confrontarsi su uno dei temi più caldi – è proprio il caso di dirlo - dell’agenda 3.0 di tutti i Paesi, quello dello sviluppo sostenibile e della ricerca di soluzioni innovative affinché non resti tra i “buoni propositi”, ma si traduca ben presto in realtà.

«È stato molto emozionante - racconta Silvia, rientrata in Italia domenica scorsa dagli Usa -. Ciascuno di noi rappresentava uno Stato diverso dal proprio e l’obiettivo era trovare quella che si chiama “draft solution”, una soluzione che accontentasse il maggior numero di Stati. Funziona così: gli Stati sponsor dovevano redigere la risoluzione e i signatur firmarla. Più firmatari si hanno e più viene votata, e la mia è passata».

Obiettivo non sempre facile in seno all’Assemblea generale quella vera, ma possibile se a sedere al palazzo di vetro sono ragazzi e ragazzi con nello zaino il sogno di salvarlo davvero il Pianeta. Ed è a coltivare questa speranza che il progetto mirava. Qualcuno l’ambasciatore lo farà poi davvero, mentre agli altri resterà la bellezza del ricordo, come sembra far intendere la 23enne casalina.

«So che tanti ragazzi vogliono perseguire la carriera diplomatica, per me invece è stata più un’esperienza estemporanea - spiega Silvia, che dopo la laurea punta al concorso in magistratura -. Entrare nel palazzo di vetro comunque è stato molto emozionante, abbiamo passato tutta una serie di controlli e ci hanno dato un badge a scadenza, sempre per ragioni di sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.