Tavazzano, uccide il cugino per gelosia: preso a Milano
Le auto dei Carabinieri di Tavazzano e Lodi presso l’abitazione di via Di Vittorio (foto Seresini)

Omicidio di Tavazzano, la causa è passionale

La causa sembra la gelosia: l’omicida e la sua vittima sarebbero stati interessati alla stessa ragazza

La causa dell’omicidio di Tavazzano sembra essere “passionale”, ovvero la gelosia nei confronti di una minorenne romena. Per questa rivalità amorosa Sebastian Ganci (40 anni, originario di Cerignola ma residente in paese) avrebbe sparato al cugino che ospitava in casa in quei giorni, Amato Di Paola, 29enne residente a Cerignola.
Dopo l’omicidio Ganci è poi fuggito in autostrada insieme alla ragazza (una 17enne), che poi gli ha chiesto di essere lasciata nell’area di servizio di Somaglia, nella Bassa. L’uomo ha quindi proseguito la sua fuga verso Milano, per raggiungere la casa della sorella, dove è stato arrestato dalla polizia di Milano.

I colpi di pistola sono stati avvertiti intorno alle 6.20 del mattino e provenivano dall’appartamento del presunto assassino, Sebastian Ganci, al primo piano. Diversi colpi di pistola esplosi da una Beretta 84, di cui tre andati a segno, uno alla fronte e gli altri due all’addome. Il corpo della vittima è stato trovato vicino alla porta d’ingresso, ormai senza vita. È stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco per entrare nell’appartamento.

La sera prima qualcuno ha visto rincasare insieme i due cugini e la minorenne, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, potrebbe esserci una rivalità scoppiata tra i due uomini e sfociata in un litigio. Di Paola stava trascorrendo alcuni giorni dal parente e potrebbe essere scattato qualcosa nei confronti della minorenne che la guardia giurata frequentava, un aspetto ancora da chiarire. In ogni caso, i vicini non hanno sentito liti o urla provenire dall’appartamento.

Sono i carabinieri e la procura di Lodi, insieme alla procura di Milano, a portare avanti le indagini, che ieri sono proseguite per tutto il giorno, con l’intervento dei medici legali.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola il 12 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.