Basta cannucce e bottigliette: è guerra alla plastica
Una casa dell’acqua

Lodi “plastic free”: aumentano le buone pratiche per migliorare la salute del pianeta

Dai festival al bar che abolisce la plastica alle feste di paese che usano solo carta: sempre più eventi amici dell’ambiente a Lodi

Sbarazzarsi della plastica prima che sia troppo tardi. Una missione mondiale che alcuni lodigiani, nel loro piccolo, hanno preso sul serio, cercando di dare il buon esempio. Mai come nel 2019 si è cercato di creare una provincia che fosse almeno un poco “plastic free”, libera dalla plastica. Lo dimostrano gli ultimi eventi organizzati, all’insegna del rispetto per il pianeta: dal Loop Festival al Capanno di Lodi al Low-L Fest di Guardamiglio, passando per la notte bianca di Zelo, gli organizzatori hanno provato a inquinare di meno.

Nel capoluogo, Claudio Vigentini del Caffè Letterario ha detto addio alla plastica, una rivoluzione di cannucce, bottiglie, piattini e forchette portata avanti nella speranza di coinvolgere anche altri commercianti.

E anche iniziative come le case dell’acqua permettono di fare a meno della plastica, così come i distributori automatici di detersivi che si vedono nei supermercati. Legambiente aveva denunciato l’uso, in Italia, di oltre 6 miliardi di bottiglie di plastica prodotte utilizzando 456mila tonnellate di petrolio, con un’immissione in atmosfera di oltre 1,2 milioni di tonnellate di CO2.

Sul territorio sono da citare molti esempi virtuosi e buoni propositi: il preside dell’istituto comprensivo Lodi V, Demetrio Caccamo, ha espresso il desiderio di rendere la scuola Don Gnocchi libera dalla plastica, all’insegna di una vera mobilitazione, «altrimenti rimangono solo parole», aveva dichiarato al Cittadino. Così come il sindaco di Senna, Silvano Negri, vorrebbe un Comune “green” attraverso la sostituzione delle bottigliette con erogatori d’acqua e brocche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.