Viaggi in piedi come sardine: «Non dovrà mai più accadere»
Stop al sovraffollamento e alle pessime condizioni di viaggio: i sindaci ne parleranno con le società di trasporti

Paullo, i sindaci incontrano le società di trasporto: «Basta studenti sui bus come sardine»

L’11 luglio in un vertice otto comuni chiederanno condizioni dignitose sui pullman

Basta studenti in piedi sui bus, stipati come sardine. Alla ripresa delle scuole i pullman dovranno ripartire dal Sudmilano in condizioni dignitose e sono i sindaci a chiederlo per i loro giovani concittadini. I dati raccolti dal “Comitato in difesa dei trasporti pubblici locali” dimostrano che le proteste dei pendolari erano fondate. Ed ecco perché l’11 luglio è stato organizzato un vertice tra i sindaci di Paullo, Mediglia, Tribiano, Pantigliate, Settala, Zelo Buon Persico, Merlino e Comazzo, con le società di trasporto Autoguidovie e Line, dietro la regia dello stesso comitato. In quella occasione il Comitato fornirà i i numeri “registrati” durante le verifiche effettuate sui mezzi durate il trascorso anno scolastico.

«Ci auguriamo - spiega il portavoce Giancarlo Broglia - di poter trovare insieme delle soluzioni per garantire ai nostri ragazzi migliori condizioni durante il tragitto scolastico: noi proporremo le nostre idee». Le verifiche del Comitato hanno accertato come molti studenti pendolari, per essere certi di poter salire sul mezzo e, forse, potersi sedere, rinuncino a prendere il bus alla fermata più vicina alla propria abitazione e si rechino alle fermate di inizio paese, ad esempio Paullo, zona ponte Muzza, Zelo inizio di via Dante. Ci vanno a piedi, o accompagnati in auto, o usando altri bus in direzione opposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.