Ò fài la tradusiòn d’la poesia de Leopardi in dialèt ludeŝàn

Ò fài la tradusiòn d’la poesia de Leopardi in dialèt ludeŝàn

di Maddalena Negri

Che cald! Che sburiàde! P’rò pödi no lamentàm perché son ‘na fregiulùna da dì no e d’invèrn me laménti sémpor per el fréd. Quìndi suféghi e tàŝi se no i me dàn. Comùnque cèrchi da vìu ànca d’estàd…per fòrsa! Adès ve cünti ‘so fài e dun son ‘ndài. Àl nöu de Giügn mi e ‘l me om sém ‘ndài a Turìn cun di amìŝi (méno màle che gh’èra un bel freschìn). N’à cumpagnàd Patrizia ch’la stà lì, ch’la cunùs bén e ch’l’è ‘namuràda d’la so cità. Per visità tant rob nel poch témp che ghévom a dispuŝisiòn, ém ciapàd l’autobus panoràmico, insì ém pudüd véd, bèi còmudi, i püssè impurtànti sìti. M’è rimàst imprés l’ària da regìna e capitàl ch’l’à gh’à; le stràde grànde e drìte, i viài, i pàrchi d’un vèrd rigugliùŝ, la Basilica de Superga ‘ndùe s’è schiantàd la squàdra del gran Turìn. M’la son pròpi güstàda ch’la gìta lì ànca perché la cumpagnìa di amìŝi fà diventà tüt püssè bèl. Un àltor sàbot, al dubàs, sém ‘ndài a Milàn. Ànca chla giurnàda lì l’è stài frésca, la n’è ‘ndài bén! Prìma tàppa Piàsa del Dom sémpor stüpénda e sém ‘ndài in Céŝa a pregà cun devusiòn sü la tùmba del Cardinal Martini. N’la Pinacoteca Ambrosiana ém amiràd le öpere d’arte seguéndo in partìculàr un percòrso dedicàd a Michelangelo. La guìda la n’à spiegàd el vàlur del so “carton” che gh’è espòst. Bèle ‘travèrs i schìzzi te védi la grandésa d’l’artìsta. Pö ém visitàd la Céŝa de San Satiro ch’l’à gh’à ‘na pruspetìva particulàr: quànd te v’è indrén te par che l’arcàda sùra l’abside la sìa prufùnda quàlche métor invéce la gh’à un spesùr de ‘pena nuànta centìmetri. Òpera del Bramante, un àltor génio italian. Gnamò stràchi, ém fài ‘na caminàda fin al Castel Sforzesco. In Italia gh’ém àrte e natüra, gh’ém tüt de bèl. Che giruàga che son! P’rò ànca quànd son fèrma trò in pé qualcòs. Sul Corriere della Sera ò legiüd le tradusiòn ni vàri dialèti d’ l’Infinito de Leopardi. Che ròba ò fài alùra? Ò fài la tradusiòn d’la poesia in dialèt ludeŝàn e pö la mandarò al Corriere. Intànt la ripòrti per viàltri:

L’Infinìd - // M’è sémpor piaŝüd chèl pogg chi sulitàri, / E ‘sta séŝ , che ‘scund / Gran part de quèl che gh’è da là. / Ma setàd chi e guardàndo, / Spàsi sénsa fin ùltra lé, e divìni / Silénsi e prufùnda chiét / Nel pensiér m’imàgini, e quàŝi / me stermìsi . E quànd ‘l vént / Sénti sfrigulà tra le piànte, mi chèl / Gran silénsi a chla vuŝ chi / Paragùni: e me végn in mént l’eternità / E le stagiòn pasàde e quèla d’adès / E vìva, e i so rumùri. Insì tra ‘sta / Infinità ‘néga el me pensiér: / E spèrdom m’è duls in chel mar chi. //

‘Sa diŝìu? L’è vegnüda bén? Adès vo a böu un bicér d’àqua perché son südàda. Sperém in una daquàda ch’la gàba da rinfrésca un po’. Ciao

Maddalena Negri - Casalpusterlengo

HO FATTO LA TRADUZIONE DELLA POESIA DI LEOPARDI IN DIALETTO LODIGIANO (traduzione letterale)

Che caldo! Che bollori! Però non posso lamentarmi perché sono freddolosa da non dire e d’inverno mi lamento sempre per il freddo. Quindi soffoco e taccio altrimenti me le danno. Comunque cerco di vivere anche d’estate… per forza! Adesso vi racconto cosa ho fatto e dove sono andata. Al nove di giugno io e mio marito siamo andati a Torino con degli amici (meno male che c’era un bel freschino). Ci ha accompagnato Patrizia che abita lì, che la conosce bene e che è innamorata della sua città. Per visitare tante cose nel poco tempo che avevamo a disposizione abbiamo preso l’autobus panoramico, così abbiamo potuto vedere, bei comodi, i luoghi più importanti. Mi è rimasta impressa l’aria da regina e capitale che ha, le strade grandi e dritte, i viali, i parchi d’un verde rigoglioso, la Basilica di Superga dove s’è schiantata la squadra del grande Torino. Me la sono proprio gustata quella gita anche perché la compagnia di amici fa diventare tutto più bello. Un altro sabato pomeriggio siamo andati a Milano. Anche quella giornata è stata fresca, ci è andata bene! Prima tappa Piazza del Duomo, sempre stupenda, e siamo entrati in Chiesa a pregare con devozione sulla tomba del Cardinal Martini. Nella Pinacoteca Ambrosiana abbiamo ammirato le opere d’arte seguendo in particolare un percorso dedicato a Michelangelo. La guida ci ha spiegato il valore del suo “cartone” che c’è esposto. Già attraverso gli schizzi vedi la grandezza dell’artista. Poi abbiamo visitato la Chiesa di San Satiro che ha una prospettiva particmiolare: quando entri ti pare che l’arcata dietro l’abside sia profonda qualche metro invece ha uno spessore di appena 90 centimetri. Opera del Bramante, un altro genio italiano. Non ancora stanchi, abbiamo fatto una camminata fino al Castello Sforzesco. In Italia abbiamo arte e natura, tutto di bello. Che girovaga che sono! Però anche quando sono ferma combino qualcosa. Sul Corriere della Sera ho letto le traduzioni in vari dialetti dell’ Infinito di Leopardi. Cosa ho fatto allora? Ho scritto la traduzione della poesia in dialetto lodigiano e poi la manderò al Corriere. Intanto la riporto per voi:

L’Infinito – // Sempre caro mi fu quest’ermo colle, / E questa siepe, che da tanta parte/ De l’ultimo orizzonte il guardo esclude. / Ma vedendo e mirando, interminato / Spazio di là da quella, e sovrumani / Silenzi, e profondissima quiete / Io nel pensier mi fingo, ove per poco / Il cor non si spaura. E come il vento / Odo stormir tra queste piante, io quello / Infinito silenzio a questa voce / Vo comparando: e mi sovvien l’eterno, / e le morte stagioni, e la presente / E viva, e’l suon di lei: Così tra questa / infinità s’annega il pensier mio: e’l naufragar m’è dolce in questo mare. //

Cosa dite? E’ venuta bene? Adesso vado a bere un bicchier d’acqua perché sono sudata. Speriamo in un acquazzone che rinfreschi un po’. Ciao.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.