Voleva uccidere 51 piccoli studenti: la procura chiede il rito immediato
Il bus incendiato da Ousseynou

Ragazzini sequestrati sul bus, la procura chiede il rito immediato

Indagini chiuse per il dirottatore del bus del 20 marzo Ousseynou Sy

È stato richiesto il giudizio immediato per il dirottatore che il 20 marzo ha preso in ostaggio 51 studenti per poi dare alle fiamme sulla Paullese, tra Peschiera e San Donato, il pullman di Autoguidovie su cui viaggiavano per tornare a scuola. I ragazzi si sono salvati grazie all’intervento dei carabinieri che hanno messo le manette a Ousseynou Sy, da quel giorno in carcere a San Vittore.

L’arresto

Chiuse le indagini da parte della magistratura per lui, 47 anni, cittadinanza italiana e origini senegalesi, potrebbe aprirsi dunque a breve il processo, saltando la fase di udienza preliminare. Dovrà rispondere delle accuse di strage aggravata da finalità terroristiche.

 Tra le altre accuse contestate, anche il sequestro di persona aggravato, l’incendio, la resistenza e le lesioni ai danni di 17 bambini, non solo per ferite ma anche per traumi da “stress” e psichici da “violenza emotiva”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.