Le cause in sanità fanno paura: l’Asst accantona un tesoretto

Le cause in sanità fanno paura: l’Asst accantona un tesoretto

Nel 2018 spesi 218mila euro per rimborsare le contestazioni

Le cause in sanità fanno paura. Ogni anno i vertici dei 4 ospedali lodigiani stanziano un milione è 400mila euro per far fronte alle spese legali inferiori ai 500mila. Il dato emerge dal bilancio consuntivo 2018 dell’Asst di Lodi. A presentare i numeri è la direttrice amministrativa degli ospedali Daniela Bianchi, salita in sella con l’amministrazione Lombardo, da circa 5 mesi. «Nel 2018 - spiega la manager - per il risarcimento di alcune cause minori iniziate in precedenza l’Asst ha speso 218mila euro. Ogni anno, per i sinistri inferiori ai 500mila euro l’Asst accantona 1 milione 400mila euro. Per le cause che valgono di più, invece, paghiamo un premio assicurativo di un milione e mezzo. Per le cause di lavoro l’accantonamento è di 300mila euro, nel 2018 ne sono stati spesi 159mila».

Il bilancio degli ospedali lodigiani si è chiuso per una cifra di circa 221milioni, mentre i ricavi ammontano a 189. La differenza di 31milioni è stanziata dalla Regione.Sul fronte dei costi, invece, la voce più consistente riguarda la retribuzione del personale dipendente che, nel 2018, è ammontata a 125 milioni (i dipendenti, in totale, sono 2.440: 385 medici, 1089 infermieri e 706 amministrativi a cui si aggiungono i tecnici e le altre figure).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.