Due truffe agli anziani a Somaglia e a Cavacurta
Controlli dei carabinieri

Ancora truffe agli anziani: due colpi a Somaglia e a Cavacurta

Finti tecnici e finti avvocati vanno a segno e riescono a raggirare le loro vittime

Nella Bassa gli anziani finiscono ancora nel mirino dei truffatori, e purtroppo cadono nella trappola. Sono due gli episodi di persone anziane che negli ultimi giorni hanno creduto ai raggiri di finti tecnici e avvocati, che approfittando della buona fede delle vittime e millantando allarmi inesistenti, sono riusciti a derubarle.

Il primo episodio è accaduto venerdì a Somaglia, dove una 80enne che vive sola ha ricevuto la telefonata di uno sconosciuto, il quale le ha raccontato che il figlio era rimasto coinvolto in un grave incidente stradale, che era in ospedale e per tirarlo fuori dai guai servivano 1000 euro per pagare un avvocato. Presa dal panico l’anziana ha accettato d’incontrarlo, quindi il malvivente si è recato a casa della donna a ritirare il malloppo ed è fuggito.

Intanto continuano le truffe dei finti tecnici di acqua e gas. L’ultima è avvenuta a Cavacurta ai danni di una pensionata residente in via Pertini, abbindolata da due finti incaricati di Sal che le hanno “venduto” la vecchia scusa dell’acqua contaminata, per rubarle monili in oro e soldi.

Non si fermano quindi i truffatori che imperversano nel territorio e che scelgono come vittime proprio i più deboli, gli anziani, spesso colpendoli sugli affetti. Occorre mettere in guardia i “nonni” dai malviventi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.