Lodi, doccia fredda in Broletto: l’ex centro per giovani resta vuoto
Lodi, i locali in piazzale Forni dell’ex centro di partecipazione giovanile

Lodi, doccia fredda in Broletto: l’ex centro per giovani resta vuoto

La cooperativa Famiglia Nuova ha rinunciato alla gestione degli spazi in piazzale Forni. Dopo aver vinto il bando ha deciso di fare un passo indietro

Doccia fredda per il Broletto: l’ex centro di partecipazione giovanile resta ancora vuoto. La cooperativa Famiglia Nuova ha infatti rinunciato alla gestione degli spazi in piazzale Forni. Dopo aver vinto il bando, ha deciso di fare un passo indietro.

L’amministrazione Casanova aveva pubblicato una selezione pubblica, dopo le polemiche per il mancato accordo con l’associazione Clam. I locali pubblici erano stati aggiudicati a Famiglia Nuova ed era stato anche annunciato il programma dei progetti, a favore di adolescenti e giovani in difficoltà.

«La scelta della cooperativa è stata dettata da un fraintendimento delle condizioni contrattuali - dichiara Mariarosa Devecchi, presidente di Famiglia Nuova -. Eravamo convinti che, in applicazione dell’articolo 24 del regolamento comunale per la gestione e per la vendita dei beni immobili patrimoniali, il bando potesse prevedere una scontistica del canone di locazione, determinato in 1616 euro mensili, data la finalità sociale dell’attività da noi proposta».

«Siamo dispiaciuti per quanto accaduto - prosegue Devecchi - si è trattato di un errore di valutazione da parte nostra. Ringraziamo gli uffici e l’Amministrazione comunale per la disponibilità dimostrata».

L’assessore con delega alle Politiche giovanili Giusy Molinari annuncia che a breve sarà pubblicato un nuovo avviso di indagine per la presentazione di manifestazioni di interesse, rivolto non più al mercato, ma unicamente alle associazioni interessate a gestire l’ex Centro di partecipazione giovanile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.