Su Bettolino la minaccia di una nuova cava di ghiaia
Un tir verso una cava di estrazione

Il Comune di Mediglia: sulla nuova cava di ghiaia un tavolo di confronto

L’impianto allarga i suoi confini il polo estrattivo di Peschiera sulla zona di Bettolino che sopporterà il maggior carico di traffico

Il sindaco di Mediglia Paolo Bianchi ha aperto un tavolo di confronto con i comuni interessati all’apertura di una nuova cava in territorio di Peschiera e con la stessa società titolare della licenza di estrazione. Le cave continuano infatti a fare paura al Sudmilano. Chiuso un impianto sul territorio di Mediglia (quello di Robbiano è stato ufficialmente dichiarato dismesso),ora ne spunta un altro pronto ad allargare i suoi confini. Il polo estrattivo è quello di Peschiera che aumenterà i suoi volumi di scavo allargandosi verso Pantigliate.L’ampliamento è stato inserito nel piano cave per il 2019 e prevede una superficie complessiva di 68,39 ettari, quella estrattiva di 30,86 in espansione sul territorio di Pantigliate per un volume di piano di 1.300.000 metri cubi con una profondità massima di scavo di 40 metri.

Sulla carta nulla a che fare con il comune di Mediglia, ma nella realtà sarà proprio la frazione di Bettolino a soffrire maggiormente l’esito del nuovo piano cave. Perché da qui transiterà la gran parte dei mezzi diretti all’impianto di estrazione. Realizzare una nuova strada che dirotti il traffico lontano dalle aree residenziali è un progetto impraticabile in quanto l’arteria dovrebbe essere tracciata entro il perimetro protetto del Parco agricolo Sud Milano che difficilmente autorizzerebbe l’intervento

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.