Ci sono più di trecento i pazienti che fanno fatica a respirare bene
L’Alor guidata dal presidente Francesco Tursi scende in campo il 10 giugno

Problemi respiratori, l’Alor promuove un evento per il 10 giugno

L’Associazione di ossigenoterapia raccoglie fondi per 300 pazienti lodigiani

Il 10 giugno un appuntamento per sostenere gli oltre 300 lodigiani con problemi respiratori. Si tratta di pazienti che vivono con l’ossigeno e che sono seguiti nella pneumologia dell’ospedale di Lodi e nel servizio di riabilitazione di Sant’Angelo. A garantire loro sostegno è l’Alor, l’Associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa guidata dal pneumologo dell’Asst di Lodi Francesco Tursi. Il 10 giugno, presso il Comella Garden, in viale Milano 59, a partire dalle 20, si terrà un apericena di beneficenza.

«L’Alor - spiega Tursi - affianca i pazienti, li assiste ai fini previdenziali, mette a disposizione gli avvocati, porta al mare i malati per consentire loro di rigenerarsi. Inoltre fornisce, gratuitamente, a tutti i malati del Lodigiano, il carrellino porta stroller. Diamo consigli sulla gestione dell’ossigeno a casa e sul funzionamento della strumentazione per l’ossigeno».

I pazienti che hanno bisogno di ossigeno, spiega il medico lodigiano, sono quelli con la broncopneumopatia cronica ostruttiva o con la fibrosi polmonare e i pazienti con le malattie legate al lavoro.

I soci dell’associazione sono 120, ma l’Alor aiuta tutti i malati che ne hanno bisogno (per chiedere aiuto è sufficiente chiamare il numero 0371/372421, il lunedì e il martedì dalle 9 alle 11).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.