Viabilità in Borgo Adda, l’sos dei negozianti: «Così finiremo per chiudere»
I commercianti di via Borgo Adda in attesa di incontrare l’amministrazione comunale

Viabilità in Borgo Adda, l’sos dei negozianti: «Così finiremo per chiudere»

Commercianti in rivolta per la rivoluzione decisa dal Comune

«Con queste misure noi chiudiamo». Si alza forte la levata di scudi dei commercianti di via Borgo Adda alla vigilia della nuova rivoluzione viabilistica annunciata dal Broletto. Una riforma che prevede l’inversione della direzione di marcia nel primo tratto di via Borgo Adda, inversione anche nella bretella Age Bassi e il doppio senso in largo Donatori del sangue, che i negozianti non accettano: «Già nel 2013 il cambio di senso per noi aveva significato perdite del 50 per cento di fatturato».

Il forte dissenso nei confronti del nuovo assetto è stato espresso al tavolo di confronto convocato dal vice sindaco Lorenzo Maggi e da Alberto Tarchini (assessore alla viabilità) al quale sono intervenuti anche i rappresentanti delle associazioni di categoria. La preoccupazione tra i commercianti è grande: «L’inversione del senso di marcia di via Borgo Adda è per noi inaccettabile, così porta via tutto il passaggio delle auto dalla via e ha una ricaduta sulle nostre attività», va all’attacco Maria Antonella Golzi, titolare del negozio i “frutaroi del Burg”. Una contrarietà condivisa dai colleghi della via.

Traffico in via Borgo Adda

A preoccupare gli esercenti di via Borgo Adda è anche una lezione del passato: «Una misura analoga era già stata attuata per circa 15 giorni nel giugno del 2013 e per noi aveva significato un calo di fatturato notevole – sottolinea il tabaccaio Christian Rovida –: al tavolo noi abbiamo anzitutto proposto di incontrare il tecnico che ha elaborato queste soluzioni per poter discutere. Inoltre abbiamo suggerito degli accorgimenti che comporterebbero poche spese e potrebbero essere attuati, come ad esempio la modifica o l’eliminazione degli spartitraffico su largo Donatori del sangue». Ma la strada intrapresa dal Comune sembra ormai irrevocabilmente imboccata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.