A Tavazzano divelta nella notte la “Stele dei Giusti”
Carabinieri al lavoro

A Tavazzano divelta nella notte la “Stele dei Giusti”

Indagano i carabinieri. Il Comune: «Uno sfregio alla memoria antifascista»

Rossella Mungiello

Tavazzano

Divelta la stele dei “Giusti di tutto il mondo” a Tavazzano con Villavesco. A poche ore dalla cerimonia dedicata al gruppo scout Aquile Randagie che salvò centinaia di ebrei durante il regime. La scoperta questa mattina (sabato), durante i preparativi della cerimonia per celebrare la terza iscrizione alla stele della memoria. Sul posto sono intervenuti i militari dell’Arma dei carabinieri. «Vandalismo e inciviltà non sono e non possono essere termini adeguati a descrivere un rigurgito fascista e anti-democratico - stigmatizza l’amministrazione comunale in una nota - : la stele del Giardino dei Giusti, che nella giornata di oggi si arricchirà di una nuova intitolazione con il nome del gruppo scout antifascista Aquile Randagie, questa notte è stata divelta. I nomi di Bartali e del gruppo rigati in sfregio». Una «ferita», continua l’amministrazione, «che colpisce al cuore la nostra comunità, per questo dobbiamo condannare quest’atto per quello che è: un crimine stupido e brutale contro una comunità viva e attenta, un atto di sfregio verso la Memoria anti-fascista e democratica. Il sonno della ragione genera mostri, diceva Goya. Insieme, come comunità, dimostriamo che di stare in silenzio non abbiamo nessuna intenzione di stare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.