Foto osè e bullismo prendono piede fra i giovanissimi, l’allerta dell’Arma

Foto osè e bullismo prendono piede fra i giovanissimi, l’allerta dell’Arma

San Colombano, l’attività di sensibilizzazione tra gli studenti sui rischi dei social proseguirà in tutte le classi

l fenomeno del sexting continua a tenere banco anche nel Lodigiano e nel Sudmilano. Immagini sessuali spinte con protagoniste ragazzine della scuola media e atti di bullismo, sui telefoni dei minorenni si trova di tutto. Dopo l’allarme droga, altri casi scuotono il mondo giovanile di San Colombano, e i carabinieri tornano in cattedra. Ieri mattina si è tenuto alla scuola media Don Gnocchi il primo incontro dei militari dell’Arma di San Colombano dedicato al tema “Utilizzo corretto dei social e responsabilità penali”, e proprio a margine dell’incontro sono emersi alcuni episodi preoccupanti.

I fatti coinvolgono più minori, e si riferiscono all’inverno scorso in particolare. Sono circolate tra i giovanissimi banini infatti alcune immagini osée di proprie compagne di scuola media, e video con riprese di atti di bullismo a danno di coetanei.
Le immagini, inizialmente confinate a un invio tra una ristretta cerchia di amici, sono uscite dal giro chiuso, tanto che alcuni genitori erano informati. La notizia era già arrivata anche ai carabinieri di San Colombano nelle passate settimane, e i militari con molta discrezione hanno cominciato le verifiche sull’accaduto, soprattutto per riscontrare le prove di eventuali reati.

Proprio prendendo le mosse da quegli episodi, arrivati alle istituzioni in modo frammentario e generico, e dopo l’altro caso del giro del fumo che aveva coinvolto una sessantina di minorenni, carabinieri e Istituto Comprensivo hanno organizzato in fretta un ciclo di incontri dedicato all’uso dei social e alle responsabilità penali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.