Presero di mira il presepe, ora assisteranno i disabili
Il palazzo municipale di Massalengo

Presero di mira il presepe a Massalengo, ora assisteranno gli atleti No Limits

I ragazzi denunciati verranno coinvolti in un progetto di accoglienza

Il loro gesto aveva fatto discutere e indignare. E per i danni e l’oltraggio alle statue del presepe allestito in piazza della Pace sono stati denunciati per vilipendio di immagini sacre. Ora si metteranno al servizio della comunità, per partecipare al progetto di accoglienza degli atleti disabili della No Limits, di stanza a Massalengo tra il 9 e il 12 maggio per i Laus Open Games. È il progetto che il Comune di Massalengo ha proposto - coinvolgendo i legali, l’equipe minori e i genitori - ai sei ragazzi denunciati lo scorso dicembre per i danni al presepe in piazza.

In questo contesto, che coinvolge anche la parrocchia, diverse associazioni di volontariato, come la Pro loco e la Caritas, il Comune ha proposto ai genitori dei sei ragazzi, quattro ragazzi e due ragazze, di partecipare al progetto di accoglienza come “messa alla prova”.

«Ho già parlato con i genitori, che si sono detti tutti disposti a firmare il progetto, e i ragazzi ci aiuteranno in questi che possiamo definire “lavori socialmente utili” - spiega ancora Scotti - : non avremo un controllo rigido o militare, sarà un momento conviviale che potrebbe essere per loro un momento di aggregazione e di riflessione su molti temi, che potrebbero nascere dal confronto con gli atleti della No Limits. Ci è sembrata un’idea carina o efficace, dato che nel procedimento penale minorile il giudice spesso applica l’istituto giuridico della messa alla prova, che prevede una sorta di riparazione alla società per il reato commesso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.