Furgone si ribalta in A1: due disabili rimangono incastrati
Le operazioni di soccorso in autostrada

Furgone si ribalta in A1: due disabili rimangono incastrati

L’incidente nella notte nei pressi della stazione di servizio di Somaglia

Somaglia

Quattro persone, di cui due disabili, sono state soccorse nella notte tra sabato e domenica in Autosole all’altezza dell’area di servizio di Somaglia direzione sud. Il furgone sul quale viaggiavano si è ribaltato e i due passeggeri disabili sono rimasti bloccati all’interno. Sul posto sono giunte tre ambulanze e l’automedica del 118, i vigili del fuoco del distaccamento volontari di Casalpusterlengo e gli agenti della Polstrada. I pompieri sono riusciti a liberare le persone rimaste bloccate all’interno della vettura, quindi i feriti, un uomo di 58 anni, due donne di 54 e 52 e una ragazza di 26, sono stati trasportati agli ospedali di Codogno, Piacenza e Cremona. Le loro condizioni fortunatamente non sono apparse gravi.

L’incidente è avvenuto intorno all’1.30 al chilometro 44 sull’asse Milano-Napoli e ha intralciato il traffico diretto a sud fino a quando i mezzi di soccorso non sono ripartiti e il furgone è stato rimosso. Il conducente e i passeggeri del furgone sono tutti residenti a Parma: il ferito più grave è l’unico uomo a bordo, un 58enne trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Cremona in codice giallo. Le due donne e la giovane che viaggiavano con lui sono state invece trasportate agli ospedali di Codogno e Piacenza per accertamenti.

A Crespiatica, attorno alle 4 del mattino di domenica una vettura con a bordo quattro giovanissimi è uscita di strada: un 19enne è finito al pronto soccorso.

Sempre sabato sera un 36enne è uscito di strada con la sua auto a Cornegliano: è stato trasportato al pronto soccorso in codice verde.

Leggi l’approfondimento sull’edizione de «Il Cittadino» in edicola lunedì 15 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.