Stanze verdi e frutteti antichi in tutto il paese
Alcuni momenti dell’inaugurazione del frutteto didattico di Santo stefano

Il benessere a Santo Stefano parte anche dal verde

Negli spazi inaugurati sabato nell’ambito dei “Percorsi commestibili” piantati alberi nella loro varietà più antica

C’è qualcosa di fiabesco nel progetto “Percorsi commestibili” realizzato dall’amministrazione comunale e dalla cooperativa Verbena con il contributo della Fondazione Cariplo e inaugurato sabato pomeriggio alla presenza dei genitori dei nuovi nati nel 2018 che hanno ricevuto dal Comune una pergamena ricordo e una targhetta da appendere al “proprio” albero. Rivitalizzando il terreno incolto dove ora sorge il frutteto e inventandosi di sana pianta spazi prima inesistenti, “Percorsi Commestibili” è riuscito a disseminare in tutto il paese luoghi dove incontrarsi e condividere esperienze, secondo una filosofia cara a Verbena.

Il parroco don Tino Cremascoli ha dato la benedizione, poi è seguito il taglio del nastro. «Il benessere a Santo Stefano per i bambini vuol dire avere un parco giochi al campo sportivo, un piccolo parco alla casa dell’acqua e oggi questo frutteto, ma anche festeggiare i compleanni e fare i compiti o un pic-nic su questi tavoloni all’aperto. Per gli adulti vuol dire avere la ciclopedonale che circonda il paese e per gli anziani delle panchine dove sedersi con i nipoti e ammirare la campagna oppure andare a leggere un bel libro in biblioteca nelle stanze verdi».

Spiega il presidente di Verbena Giuseppe Stroppa: «Consegniamo a Santo Stefano queste aree verdi riqualificate confidando che i cittadini ne abbiano cura. Abbiamo avuto una risposta entusiasmante da parte delle scuole, e un ringraziamento particolare va al maestro Monico per la sua passione per la natura e per le piante».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.