Via San Bassiano, ciclista investito: è già il terzo in appena dieci giorni
Nella foto il tratto incriminato

Incroci pericolosi: un ciclista investito in via San Bassiano

A Lodi terzo investimento in pochi giorni: scatta l’allarme sicurezza sulle strade

Via San Bassiano torna sotto i riflettori. Il terzo incidente in pochi giorni, sempre con un ciclista coinvolto, riaccende infatti l’attenzione sul tema della sicurezza in una delle arterie cittadine fra le più pericolose per le “due ruote”.

Lunedì mattina ad avere la peggio è stato un uomo di 84 anni, travolto poco dopo le 9.30 sulla ciclabile fra via Anelli e via Polenghi Lombardo: l’anziano pedalava verso il centro, mentre l’auto arrivava dalla stazione e pare stesse per svoltare a sinistra verso via Lodivecchio. Un impatto per fortuna non violento, ma che ha comunque creato apprensione attorno al ciclista, rimasto a terra immobile. I sanitari lo hanno visitato subito e in seguito lo hanno portato in ospedale per gli accertamenti del caso e per valutare le sue condizioni.

L’assessore Alberto Tarchini

Nello stesso punto un altro ciclista era stato investito circa dieci giorni fa, mentre un altro incidente era avvenuto all’incrocio con via Baroni. «Il progetto Colleg’Adda affronta proprio il problema di questi due snodi cercando di metterli in sicurezza - spiega l’assessore alla Viabilità Alberto Tarchini -. Quello con via Baroni sarà risolto in modo radicale con la realizzazione di una platea rialzata che costringerà le auto a rallentare».

Sono molti però gli svincoli e i tratti di strada che avrebbero bisogno di essere messi in sicurezza per non far correre rischi inutili a chi usa la bicicletta per muoversi in città. C’è per esempio viale Milano, nel tratto fra Torretta e San Grato, dove «ci sarà una ridefinizione degli spazi con la posa di dissuasori e di segnaletica» precisa l’assessore; e via Cavezzali, dove dovrebbero sparire 27 posti auto per far posto a una pista ciclabile sul lato di fronte al Conad.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.