Guerra legale per l’hotel fantasma

A Lodi Vecchio guerra legale per l’hotel fantasma

Presentato un ricorso al Tar contro il Comune: la vicenda si riapre undici anni dopo

Progettato di fronte all’attuale Lodi Vecchio Hotel, con l’obiettivo sempre di destinarlo a residence, ma mai realizzato. È guerra legale a Lodi Vecchio per il residence “fantasma”, con tanto di ricorso al Tribunale amministrativo regionale della Lombardia da parte della società per riavere quanto versato all’epoca - nel 2008 - a titolo di oneri di urbanizzazione primarie, secondaria e costo di costruzione legati all’intervento. Ovvero 116mila euro di risorse per la costruzione di un nuovo immobile da destinare a residence, sempre nella zona artigianale e industriale oltre la provinciale 115, che però non fu mai costruito, nonostante l’iter fosse ormai alla denuncia di inizio attività, depositata il 28 novembre 2007.

La vicenda si è riaperta undici anni dopo, nell’ottobre 2018, quando negli uffici comunali è arrivata la richiesta della società finalizzata a riottenere, con gli interessi, quanto versato all’epoca, proprio per la mancata realizzazione dell’intervento edilizio.

A un mese di distanza, in Comune, è arrivata anche la diffida dell’avvocato, con riserva di intraprendere ogni azione per il risarcimento del danno, a cui - un mese dopo - è arrivata la risposta del Comune.
Ergo, diritto alla restituzione prescritto - considerata la scadenza del termine decennale dalla data di versamento, che risale al maggio 2008 - senza contare che la stessa società risulta debitrice al Comune di ben più di 116mila euro. Un braccio di ferro, al momento irrisolto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.