Sequestra e dà fuoco a un bus sulla Paullese: autista in manette, dodici bambini in ospedale
L’intervento dei soccorritori del 118 e sullo sfondo l’autobus carbonizzato

Sequestra e dà fuoco a un bus sulla Paullese: autista in manette, dodici bambini in ospedale

Non ci sono feriti gravi tra gli studenti. Sull’episodio indagano i carabinieri di San Donato

(ore 13.30) Non ci sono feriti tra gli studenti che viaggiavano sull’autobus dato alle fiamme stamattina, lo conferma una nota del 118 regionale. Sono 23 ( sui 51 occupanti del pullman) i bambini visitati in posto e concentrati in una palestra dell’istituto dell’istituto Margherita Hack di San Donato; sono in attesa dei genitori e stanno ricevendo un supporto psicologico. Dodici invece i bambini ospedalizzati, più due adulti, uno in codice giallo, gli altri in codice verde. L’autore del gesto è stato inviato all’ospedale San Paolo di Milano.

(ore 12.40) Dalle prime informazioni il bus in fiamme sulla Paullese sarebbe stato dirottato da un cittadino straniero, un senegalese, mentre viaggiava nel Cremasco trasportando una scolaresca. Arrivato nel tratto tra San Donato e Peschiera il mezzo si sarebbe schiantato contro alcune auto. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri di San Donato, che stanno indagando sull’episodio che presenta numerosi elementi da chiarire.
Non ci sarebbero feriti gravi fra gli studenti.

Quel che resta dell’autobus

(ore 12) Un autobus ha preso fuoco poco prima di mezzogiorno lungo la Paullese all’altezza di San Donato. Sul posto sono accorsi i carabinieri di San Donato, i vigili del fuoco e almeno quindici mezzi del 118 regionale, fra i quali un elicottero.

Sull’autobus viaggia una scolaresca e dalle prime informazioni sarebbe stato un uomo a dare alle fiamme il mezzo.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola il 21 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.