Maestri genovesi all’opera per i lavori al ”campanone”
I maestri campanari della Trebino all’opera con vista sui tetti di Melegnano

Tecnici all’opera in alta quota per il “campanone” di Melegnano

La campana pesa ben 1.400 chili. Al lavoro sulla basilica la stessa ditta scelta dal Vaticano per San Pietro

Al lavoro con vista sui tetti di Melegnano per smontare “il campanone”, la campana più grossa della basilica in piazza Risorgimento che pesa ben 1.400 chili: i protagonisti dell’impresa sono i maestri campanari della Trebino, la storica azienda del Genovese conosciuta in tutto il mondo.

Un altro tecnico al lavoro

Nei giorni scorsi l’intervento è stato presentato dal prevosto della città don Mauro Colombo. «Risalenti al lontano 1935, gli ingranaggi della più grossa campana della basilica sono ormai logori e rotti - ha affermato don Mauro -. Nasce da qui la necessità dell’intervento». Il prevosto di Melegnano si è affidato alla celebre impresa Trebino di Uscio nel Genovese, che nel 1958 venne tra l’altro scelta dal Vaticano per la costruzione dei grandiosi orologi della basilica di San Pietro. Il “campanone” è la più grossa delle cinque campane di cui si compone il castello della maggiore chiesa cittadina e pesa ben 1.400 chili.

Gli ingranaggi “ammalorati” sono stati trasferiti nel laboratorio aziendale in Liguria dove i tecnici provvederanno alla revisione e sostituzione dei vari pezzi, che la prossima settimana verranno nuovamente montati sul “campanone” nel cuore di Melegnano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.