Il mercato si sposta in piazza della Pieve: il Comune tira dritto
In alto piazza della Pieve, destinata secondo il progetto del Comune a ospitare il mercato ambulante

Il mercato trasloca in piazza della Pieve: i commercianti contrari, ma Checchi tira dritto

Il sindaco di San Donato non molla e rintuzza le accuse

Sullo spostamento del mercato di via Gramsci in piazza della Pieve il Comune tira dritto. Il tema è stato toccato martedì sera in consiglio comunale nel corso della discussione fiume per l’approvazione del bilancio di previsione. Rispondendo a un interrogativo che si è alzato dalla minoranza riguardo le intenzioni dell’amministrazione per piazza della Pieve, il sindaco Andrea Checchi ha annunciato: «Ad oggi puntiamo alla sistemazione della piazza per l’accoglimento del mercato di via Gramsci, quale obiettivo immediato rispetto a quanto riusciamo a fare nell’ambito dei lavori pubblici». Ma la proposta non piace a molti sandonatesi, e soprattutto non piace agli ambulanti.

Il progetto prevede un investimento da 500mila euro, annoverato nel piano triennale delle opere pubbliche, fondi destinati ad adeguare piazza della Pieve al nuovo ruolo che sarà chiamata a svolgere.

Un parere negativo rispetto al trasloco delle bancarelle di via Gramsci è stato espresso nelle scorse settimane dal presidente provinciale dell’Anva Confesercenti (Associazione nazionale commercio su aree pubbliche), Francesco Sacco. Il problema, ha spiegato l’esponente dell’associazione di categoria, è legato al fatto che per ragioni di spazio il trasferimento del mercato da oltre 100 bancarelle comporterà un ridimensionamento dei posteggi. Il taglio penalizzerebbe una quindicina di ambulanti, i quali potrebbero decidere di impugnare il provvedimento del Comune con un ricorso al Tar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.