Alla San Biagio l’ennesimo blitz per razziare il distributore di caffè
Il distributore di caffè preso di mira alla scuola elementare San Biagio

Codogno, ennesimo blitz in una scuola per razziare il distributore di caffè

Visita sgradita nella notte fra lunedì e ieri alle elementari di viale dei Mille

Hanno lasciato una scia di monetine da 5 centesimi lungo tutto il tragitto dal distributore del caffè appena depredato fino alla porta della mensa da cui si sono introdotti, i teppisti che nella notte tra lunedì e ieri hanno fatto “visita” alla scuola elementare San Biagio in viale dei Mille a Codogno, facendo sparire il cassetto rendi-resto della macchinetta del caffè e dileguandosi nel nulla. Per la scuola si tratta del quarto raid dall’inizio dell’anno scolastico, il secondo in appena otto giorni. Il precedente risale al 4 marzo. Ma le intrusioni nelle scuole di tutta la Provincia da settembre a oggi sono almeno una trentina considerando solo quelle dove l’appalto dei distributori automatici è in mano alla ditta Bruschi di Zorlesco, e di più se si aggiungono gli istituti scolastici dove le macchinette sono di altri gestori.

Più che di veri e propri furti si tratta di bravate, non foss’altro per l’inconsistenza delle monete che di volta in volta gli intrusi riescono a rubare. Dieci, 15 euro al massimo. Briciole.
Molto diverso invece il discorso che riguarda i danni alla scuola e ai distributori, come spiega la dirigente scolastica del plesso di Codogno, San Fiorano e Fombio Tiziana Iecco riflettendo sull’ultimo raid alle elementari San Biagio: «Hanno rotto la maniglia di una porta e poi quel “poveretto” della ditta Bruschi vede continuamente danneggiate le sue macchinette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.