Bambole ritirate, a San Giuliano i primi controlli
La bambola ritirata dal mercato (foto dal sito del ministero della salute)

La bambola contiene sostanze pericolose, partiti da San Giuliano i controlli che hanno portato al ritiro dal mercato

I giocattoli di produzione cinese sono stati tolti dagli scaffali per decisione del ministero della Salute

La bambola è tossica e viene ritirata dal commercio. È partito dal Sudmilano, e in particolare da San Giuliano, il controllo che ha portato il ministero della Salute a lanciare l’allarme consumatori per la bambola “Girl Vogue” di produzione cinese. In particolare il format del ministero che lancia l’allarme alla voce “Natura del pericolo/rischio” riporta: “Chimico - Possibili danni al sistema riproduttivo causati dalla presenza di ftalati”.

I controlli sono scattati in un market di San Giuliano, Risparmio Casa in via Po, dove il prodotto è stato acquistato e sottoposto ad analisi da parte delle Unità Operative Ospedaliere di Medicina del Lavoro (Uooml) di Desio.

La confezione

«Le analisi effettuate nuovamente dall’Iss su richiesta della ditta - spiega in una nota il Ministero - hanno riscontrato la non conformità ai requisiti del decreto legislativo 11 aprile 2011 n 54 (recepimento Direttiva sicurezza giocattoli) relativamente al limite di Dibutil ftalato (DBP) e del di (2-etil) ftalato (DEHP) di cui all’allegato al Regolamento (CE) 522/2009 del 22.06.2009 (punti 51 e 52)».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.