La bela ricerca a le scole alimentàri sül m’nìs o ricòta

La bela ricerca a le scole alimentàri sül m’nìs o ricòta

di Pino Pagani

Divèrse màme e ‘na žìa i m’han dumandàd nutiŝie sü quèl cal sarés al miràcul dal m’nìs (al nost amìs , Silvéri quel d’la risèrva d’l’Ada Süd, c’ho truàd ‘na qual smàna fa a Malé al m’èva precisàd che da lü, fôra Lòd, as dìs al menis, ciuè cun la vucàl e in tra le du cunsunànt, la ème e la ène e le dù èse in finàl ad paròla) parchè a le scòle alimentàri dal Vilàgio a Cudògn, una maèstra c’la végn da Castiòn, la g’avarés dìt ai sò sculàr da fa ‘na ricèrca sü c’l’argumént chì.

La nutìŝia la m’ha sudisfàd , anca parchè l’è ‘l mè balìn quel da savènu sémpor ad pü dal mè Paeson ad’la bàŝa al da chì dal Po. Quel ca sò mi i déun savèl almén tri d’altor, cunsidràd cal nümor chì, tame ‘s dis, pèrfèt. Cuntentéŝa riscuprì ‘na sana e giujuŝa relaŝiòn cun la vìta, pür in méž a le bèle duràde situaŝiòn ad tanti àni indré, prestà insì atenŝiòn al dì d’incô.

L’èra cèrt un altor mund quand al “dòlce” d’la fèsta l’èra fai cui crustòn ca sa dastachèva aturn al paròl dopu ca s’èra stravacàd un bèl cül ad pulénta sül mežìn , o in mež a la tàula ind’le cà di paisàn in casìna. Al custant invìt a fa memòria, ciuè a guardà ‘l pasàd par dasmentegà miga da dùe vegném – tame al sügüta ben a dì al nost diretur Palavéra, sentìd anca lü a Malè quand l’ha presentàd cal bèl lìbron di Madunìn – da dùe gnèva i mè noni d’la famìlia ad màma Ruŝìna, prima amò i lur noni ma anca ‘d tüt quél ca j han pasàd par iutànu a quel ca sém ura. Papa Francésch, ogni tant, nal parlànu, l’invita ricurdà. ‘Na volta, anca l’èva dìt un quaicòs a pruposit dal dialét.

Ma turném al miràcul dal m’nìs ca’l truarés spàŝi nal prìm vulümòn stampad e cupiàd da fôi scrìt a man, ca’s trôva in vüna d’le püsè grand Biliutéche ‘d Milan, dal frà cudugnìn Guldanìga a le pàgin quìndoŝ e sédoŝ (in d’l’uriginàl i sarésun astài le pàgin vintisés e vintisèt) cui disègn dal nost amis cudugnìn, al pitùr Vergìlio Müŝi, stampàd da Ghidìn, dal sò lauréri a Guardamèi, fai andà incô dai sò fiôi. Al riferimént l’è a la tàula vot di diségn ad Müŝi cun scrìt da dré quel ca’t pôdi lég’ a le pàgin c’ho dìt prìma. Sul libòr fai par cunt d’la Biliutéca Pupulàr Rìca ad Cudògn, legém da quand ca i fitàgul ogni dì i fèvun al “coscio” tame i scrìvun , da cal furmài chì ad pàsta filàda, tame disèva pà Napuliòn, dopu avè cavàd la furmàgia da la caldéra, indue as furma la ricòta, al caŝè pr’urdin dal padròn, al deva via ai pori diàul ca gh’èra fora, buna part da quel ca ‘vanžèva. A cal punto chì i sèn acort ca l’avanža ‘l f’nìva miga mai. Eco alura indue ‘s parla ‘d miràcul ca prò em riscuntràd in nìsÜn altor lìbor e parciò, tame ‘s dìs “ciapém tüt cun bebenefìži d’inventàri”. Tüt sarés gnüd a quéla ca nüm cui fradéi Marabél, una volta baristi a’l’Uspedal (ca i dìsun da ves: nasìd chì) o i Bufèli d’la casìna Granda, e anca cui fiôi d’l’ustòn d’la Triülža, al siùr Bergamàsch, ciamèvun l’ “Üniversità dal Mulinét” (apéna dopu gh’è al Madunìn ca ‘na volta at vedèvi ben da la via Emìlia, sül tràt vèc’, ura scus da maciòn e indue surevìa scur al tràt d’la nôva Strada Statàl) in ca casìna chì agh sarés astài pìtüràd, sü ‘n mür, al miràcul dal m’nìs ciamàd insì da Fra Guldanìga, indrén in una stala. Stala ca pare la sia stài trai- žù .

Un qual dés an fà, cul mè cuscrìt Gaitàn, ca’l fèva ‘ndà l’ažiénda cui sò, èvum cercàd tra le carpìe e l’arla in d’la stala sa ’s pudèva truà ‘na qual tràcia da ca pitüra chì. Em prò truàd gnianca ‘n pìcul ségn! Le ricèrche i sugÜtun a ’ndà inàns.

Dopu tüt cal discurs chì, am ricordi d’avè tentàd una qual smàna fà, da druà in dialèt un tèrmin mudèrn a la fin d’una paciàda cun una lista fai ‘d roba nustràna, tantu buna da vurèvun sémpor amò, in Casìna, c’adés igh dìsun “Agritürismo” quél ad Terranova di Pasarìn quand ca gh’èvi dumandàd a l’amis, siùr Carlu, sa’l pudèva iutàm sü l’argumént dal m’nìs, visto ca lü, chì, al fa anca al fitàgul. Agh son andài visìn cul taŝinìn in man dopu büd un bon café: “Dutùr – g’ho dit – g’ho da b’sògn da dumandàgh una ròba, ma ura g’ho b’sògn dal rimorchio” e lü ca’l gh’èva ‘na butélia ‘d licur in man al m’ha rispost: “quést al và miga ben. Agh dò, mì, un resentìn mè: gràpa cun la rüta!” G’ho dit ad rimànd al fiôl dal dutùr Sèrgio (sò mà l’èra la siura Puci), ca j èrun àni ca sentivi pü cal tèrmin chì. Al ma fài tant piasè séntol amò , ma suratüt piasè ‘d gustà ‘l resentìn in dal taŝinìn apéna ‘péna tévod. Par f’ìnìla par dabòn, am dasmenteghèvi da dì ca ho fat risparmià quel ca’l n’èva ufèrt la gran paciàda in quant, èvi tastàd gnianca un gut d’aqua e ‘nsì, vün di trì bicèr sü la tàula l’èra bèl nét. A sira , prò a cà, d’aqua (ca ‘m porta al fiôl dal siur Scàla, neud ad Bìgiu Gambàsa) n’ho büd ‘na méža butèlia ‘d quéla frižantìna!

Se un quaidün al savés un quaicòs ad pü sul m’nìs m’la sàpia dì. Pr’ura ciau né. A la pròsima.

Pinu PAGAN – cudugnìn

LA BELLA RICERCA ALLE SCUOLE ELEMENTARI SUL LATTE ACIDO (traduzione letterale dal dialetto codognino )

Diverse mamme ed una zia mi hanno chiesto notizie su quello che sarebbe il miracolo del latte acido (il nostro amico, Silverio Gori, quello della riserva dell’Adda Sud, che ho trovato una qualche settimana fa a Maleo mi aveva precisato che da lui, fuori Lodi , si dice “meniss” cioè con la vocale e tra le due consonanti, la emme e la enne e le due esse in finale di parola), perchè alle scuole elementari del Villaggio a Codogno , una maestra che viene da Castiglione d’Adda avrebbe detto ai suoi scolari di fare una ricerca su quell’argomento qui.

La notizia mi ha soddisfatto, anche perché è uno dei miei pallini, quello di saperne sempre di più sul mio paesone della Bassa al di qui del Po. Quello che so io devono saperlo almeno tre altri, considerando quel numero qui, come si dice, perfetto.

Contentezza riscoprire una sana e gioiosa relazione con la vita, pur in mezzo alla belle dorate situazioni di tanti anni indietro, prestare così attenzione al giorno d’oggi. Era certo un altro mondo quando il “dolce” della festa era fatto col crostone che si staccava attorno al paiolo dopo che s’era rovesciato un bel culo di polenta sul tagliere o in mezzo alla tavola nelle casa dei contadini in cascina. Il costante invito a fare memoria, cioè a guardare al passato per mica dimenticare da dove veniamo – come continua bene a dire il nostro direttore Pallavera, sentito anche lui a Maleo quando ha presentato quel bel librone dei Madonnini – da dove venivano i miei nonni della famiglia di mamma Rosina , prima ancora i loro nonni ma anche di tutti coloro che sono passati per aiutarci a quello che siamo ora. Papa Francesco, ogni tanto, nel parlarci, invita ricordare. Una volta anche aveva detto un qualcosa a proposito del dialetto.

Ma torniamo al miracolo del latte acido che troverebbe spazio nel primo volumone stampato e copiato da fogli scritti a mano, che si trova in una delle più grandi Biblioteche di Milano, dal fra codognino Goldaniga alle pagine 15 e 16 (nell’originale sarebbero state le pagine 26 e 27) coi disegni del nostro amico codognino, il pittore Virgilio Muzzi, stampato da Ghidini, dal suo laboratorio di Guardamiglio, fatto andare oggi dai suoi figli. Il riferimento è alla Tavola 8 del disegno di Muzzi con scritto dietro quello che tu puoi leggere alle pagine che ho detto prima. Sul libro fatto per conto della Biblioteca Popolare Ricca di Codogno, leggiamo di quando che i fittabili ogni giorno facevano il “cacio” come scrivono, di quel formaggio qui di pasta filata, come diceva papà Napoleone, dopo avere tolto la formaggia dalla caldaia, dove si formava la ricotta, il casaro per ordine del padrone, distribuiva ai poveri diavoli che c’erano fuori, buona parte di quello che avanzava.

A questo punto qui, si sono accorti che l’avanzo non finiva mica mai . Ecco allora dove si parla di miracolo che però abbiamo riscontrato mica in nessun altro libro e perciò , come si dice “prendiamo tutto con beneficio di inventario”. Tutto sarebbe avvenuto in quella che noi coi fratelli Marabelli , una volta baristi all’Ospedale che qui sarebbero nati o i Bofffelli della cascina Grande, e anche coi figli dell’ostone della Triulza, il signor Bergamaschi, chiamavamo “l’università del Molinetto” (appena dopo c’è il Madonnino che una volta vedevi bene dalla via Emilia, sul tratto vecchio, ora nascosto da macchie di robinie e dove sopra scorre il tratto della nuova Strada Statale) in questa cascina qui ci sarebbe stato pitturato su un muro il miracolo del latte acido, chiamato così da fra Goldaniga, dentro una stalla. Stalla che pare sia stata buttata giù. Una qualche decina di anni fa col mio coscritto Gaetano, che faceva andare l’azienda con i suoi , avevamo cercato tra le ragnatele e la gabbia nella stalla se potevamo trovare, una qualche traccia di questa pittura qui. Non abbiamo però trovato nemmeno un piccolo segno. Le ricerche continuano ad andare avanti.

Dopo tutto questo discorso qui, mi ricordo di avere tentato una qualche settimana fa, di usare in dialetto un termine moderno alla fine di una abbuffata con un menù fatto di roba nostrana, tanto buona da volerne sempre ancora, in Cascina, che adesso si dicono “agriturismo” in quel di Terranova Passerini, quando che avevo chiesto all’amico, signor Carlo, se poteva aiutarmi sull’argomento del latte acido, visto che lui, qui , fa anche l’agricoltore. Ci sono andato vicino colla tazzina in mano dopo aver bevuto un buon caffè: «dottore – gli ho detto – ho bisogno di chiedergli una cosa, ma ora ho bisogno del rimorchio» e lui che aveva una bottiglia di liquore in mano mi ha risposto: «Questo non va mica bene. Ci do io un risciacquo mio: grappa con la ruta»!

Per finirla per davvero, mi dimenticavo di chi ho fatto risparmiare, quello che ci aveva offerto la grande abbuffata in quanto, avevo assaggiato mica una goccia d’acqua e così, uno dei tre bicchieri sulla tavola era bel pulito. A sera, però a casa, di acqua (che mi porta il figlio del signor Scala nipote di Luigi Gambazza), ne ho bevuta una mezza bottiglia di quella frizzantina!

Se qualcuno ne sapesse qualcosa di più sul latte acido me lo sappia dire. Per ora ciao né. Alla prossima.

Pino Pagani -codognino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.