Puzze, risolto il “giallo”: «L’origine è la Viscolube»
Dopo l’ennesimo sopralluogo dei tecnici dell’Arpa si è scoperto che le puzze provenivano dalla Viscolube di Pieve

Puzze, l’Arpa incolpa la Viscolube

La raffineria di Pieve all’origine degli odori molesti

Davide Cagnola

Risolto il “giallo” delle puzze che da giorni molti cittadini avvertivano nell’aria fra Lodi, Cornegliano, Borgo San Giovanni e Pieve Fissiraga.

I tecnici dell’Arpa hanno fatto l’ennesimo sopralluogo martedì pomeriggio e hanno “seguito” gli odori fino alle porte della Viscolube, a Pieve. È proprio dall’azienda leader nella rigenerazione dell’olio usato, che in questo periodo ha gli impianti fermi per le operazioni di pulizia e manutenzione dei macchinari, che dunque si sono sprigionati gli odori che per giorni hanno reso l’aria a tratti quasi irrespirabile.

«La pulizia degli impianti in qualche ditta della zona era una delle ipotesi che avevamo fatto spiegare l’origine di quelle molestie olfattive e ieri pomeriggio (martedì, ndr) con i nostri tecnici abbiamo verificato che era proprio così - viene riferito dal Dipartimento dell’Arpa di Lodi e Pavia e in particolare dall’unità operativa Controlli unità produttive -. Si tratta di un odore di idrocarburi e olio, tipico dell’impianto di Pieve». E da Arpa concludono: «Ora sono ancora in corso le valutazioni per chiarire l’operato dell’azienda e valutare se debba essere applicata una sanzione o se si debba arrivare fino alla segnalazione in procura. Ci vorrà ancora qualche giorno per chiarire tutti gli aspetti e completare il verbale. Poi verranno avvisati anche il Comune e la Provincia, ente quest’ultimo che rilascia le autorizzazioni e può dare una diffida».

La svolta nei controlli dell’arpa è arrivata martedì. «Quando ci hanno chiamato da Pieve abbiamo chiesto subito se quegli odori fossero ancora presenti, e quando ci hanno risposto di sì siamo andati subito per un controllo - viene riferito ancora da Arpa -. Così siamo risaliti fino alla Viscolube, dove i tecnici hanno avvertito lo stesso odore che si sentiva anche in paese».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.