Tiramisù, quela che per la nona la sarà “la pucia dulsa”

di Modesto Tonani

A genar el purtinar, tüti ‘ Santi ‘ gh’àn el sò tabar; e men che men, anca ‘n d’la cà de Giuanin i mercanton de nev i pitürevu ‘l veder d’la purtesela d’la sparmesada mesa da mundà e mesa da trà ‘n Ada. Sichè, dopu vègh racumandad l’anima ‘ la Madona, Mama de tüti Nüm, per tra ‘n del mes èl mal cu’i parenti del casül, da la Malparada partiva ‘na biga pruletaria piena de speransa e remision, cu’l fagot püsè ‘mpurtant setad sü l’as, a mes e mes tra ‘l maneton e’l selin, fai sü misüra per le necesità ch’i sevu semper d’aventüra: Cirlin dal pes la ‘ndeva ‘ fà campagna, se fà per dì, da nona Rusina Masèra, dona de pà Carlotu, mama de Giani set eti, semper in pepertera anca quan la vangheva l’ort ‘pena genaron el muleva ‘l mas e gneva ‘nsà ‘l remol… Quan la biga quarciada de legna verda la frigneva ‘n d’la strenciӧla d’la curtina d’la nona, un gendarm in pepertera, cun la tresa negra ‘n bandiröla, l’era de guardia d’nans d’la porta, cu’l scial negher d’urdinansa, per ricev la benedision d’una Pruidensa semper pütost murgiüda cun la nosta discendensa. Du parole sü la porta e la biga, munda de tüs cos, la ciapeva la strada d’la Malparada cu’l por Giuanin che un po’ se gh’n’eva ‘ mal ma pöӧ’l tireva ‘l buf, nel num d’la Gent de nüm che per necesità la steva ünida suta la capela d’la tradision che se ciamea famija, unur del mund e divusion…

Dü basej p’r endà ‘n cà, un paviment de matunele, ‘na madia, un tagul, un lavandin e ‘na stramesa de mür per risparmià la legna i fevu la diferensa. El nonu l’er setad sü la sò cadrega cu’i barbison ch’i prumetevu gnen de bon ma la fiulina la se spantegheva ‘n d’la remision d’una presensa mai pü serena e suridenta ch’la ghe spiegheva tüs cos sensa levà la vus e, men che men, truenda, den per den, el lucabil per mestürà la medesina ‘mara cu’l mel cume i Ruman d’antan, ‘na bela storia d’amicisia de prima man, tra ‘na neudina spersa ‘n d’la morsa del bisogn, ‘na mama semper cunfencia ch’la ciameva aiüt e cumprension e ‘na dona, prima che mama e nona, Santa cume la sò mision…

Giani set eti el gh’era ‘pena p’r el dirito de duè mai tiràs indré quan gh’er bisogn de fà quaicos föra d’la purtada d’le du fantesche ch’i se vurevu ben per tüta ‘na giurnada da spartì cüntenda de quan gneva carnual e pöӧ la Pasqua, e pöӧ ‘l Bambin; d’un San Basan che’l gneva an a cà sua cu’l filson, de šiu Pierino che’l s’era fai mal suta ‘na pianta e l’era mort a l’uspedal d’Cudogn. Tüt cun una legeresa che seva de ümanità e dedision, saur d’una caresa quan gh’er da petenà la tresa e dì le urasion… Quan se dis che sem quel ch’em visüd, o ch’em patid da picinin, quant’armunia fai sü’n d’un sogn un po’ paisan… Fiucheva ‘ bras in ch’i ani là, suta la nev gh’è ‘l pan ma feva ‘n freg da bis e l’era no ‘me dila cun gnent a lö e poch ben da spartì… gnea tüt cumpagn: i orti, le cà, la ceša e’l campanin, le piante mise cume giganti a guardia de quaicòs scuš suta ‘na cuerta imaculada lüstra ‘me na sgüiarӧla. E men che men, davanti al fögh o ‘n d’la curtina p’r endà ‘n d’l’ort, ‘ndea ‘vanti ‘l giögh e spunteva ‘l prim regöj de quela ch’la diventeva el mè dunin de l’aj: sturiele, induinej, tante urasion e ‘na qual truada ch’la ghe nempiva ‘l cör de remision:

- Metet el scial d’la nona, ciapa ‘n bicer de veder, giuntegh un bris de sücher e vé ‘dré mi…

- Ma, nona, fa ‘n freg che taja ‘l vis, cüntem amò ‘na storia ‘ntant che lavem šu…

- Ve ‘dré mi e cerca due la nöu l’è fresca e gh’è pasad no‘l lu; met’nu d’aršon nel tò bicer e mesed’la cu’l cüciar, l’è ‘l bombo che la Madona l’à pruist per nüm puvrin…

- Mama, nona, tame l’è bon… che bel quan son arenta ‘ ti, e quante robe bele te me cünti sensa fà gnan parensa; quan fò quaicos che va ben no te me tiri ‘n despart e te me parli, e mi ‘mpari e fò tesor d’i tanti ‘nsegnamenti… questa la ciamarem la nöu en del bicer d’la Rusina masera del bon pensier…

Quanti inverni sarà pasad da quan Cirlin dal pes la gneva da la nona ‘m bicicleta? Forse des, o vündes, quan la ‘ndeva ‘ laurà ‘ Milan cu’l treno rüfian che’l cünta tüs cos setad in d’un scumpart, parlenda, magari, de cüsina e de ricete cun numi che riva da luntana o da la fantasia de chi nempis le pagine de carta che se tröva sbandunade sü’i sedii. Dunin de l’aj la leg: ‘Tiramisù’, la paregia e la porta ‘n punta de pé ‘n d’la cà d’i dü basej, quela che per la nona la sarà ‘La Pucia Dulsa’ d’la sò Tersin d’i bej curaj, la sò neuda püsè garbada… E, finalment, nonu pà Carlotu l’à levad an lü ‘l barbis per dì che ‘ndea ben insì…

Marieta e Giuanin pipeta

tino.vet@libero.it Ager laudensis at work

TIRAMISU’, QUELLA CHE PER LA NONNA È “LA PUCCIA” DOLCE (traduzione)

A gennaio il portinaio, tutti i Santi hanno il loro tabarro e, nondimeno, anche nella casa di Giovannino i Marcantoni di neve dipingevano i vetri della porticella del divisorio mezzo da mondare e mezzo da buttare in Adda. Pertanto, dopo aver raccomandato l’anima alla Madonna, Mamma di tutti noi, per condividere il male coi parenti del mestolo, dalla Malparata partiva una bici proletaria piena di speranze e remissione, col fagotto più importante seduto sull’asse, a mezza mezzo tra manubrio e sellino, fatto su misura per le necessità che sapevano sempre d’avventura: Cirlin dal pes andava a far campagna, si fa per dire, da Nonna Rosina Masèra, moglie di pà Carlotto, mamma di Gianni 7 etti, sempre a piedi nudi anche quando vangava l’orto appena gennarone mollava il mazzo e si avvicinava il disgelo... Quando la bici gravata di sofferenza frignava nella stradina del cortiletto della nonna, un gendarme scalzo con la treccia nera in bella mostra, era di guardia davanti alla porta, con lo scialle nero d’ordinanza, per ricevere la benedizione di una Provvidenza sempre piuttosto generosa con la nostra discendenza. Due parole sulla porta e la bici, monda di tutto, prendeva la strada della Malparata col povero Giovannino che un po’ si disperava ma poi tirava fiato, nel nome della nostra gente che per necessità restava unita sotto l’egida di una tradizione che diventava famiglia, onore e devozione... Due gradini per entrare in casa, un pavimento di mattonelle, una madia, un tavolo, un lavandino e un divisorio in muratura per risparmiare la legna, facevano la differenza. Il nonno era seduto sulla sua seggiola coi mustacchi che non promettevano niente di buono ma la bambina si perdeva nella pietà di una presenza affatto serena e sorridente che le spiegava tutto senza alzare la voce e, nondimeno, adottando, alla bisogna, il pretesto per mescolare la medicina amara col miele del Romani d’antan, una bella storia di amicizia di prima mano, tra una nipotina smarrita nella morsa del bisogno, una mamma sempre malata che chiamava aiuto e comprensione e una donna, prima che mamma e nonna, Santa come la sua missione...

Gianni 7 etti c’era solo per il diritto di non doversi mai negare quando c’era bisogno di fare qualcosa fuori dalla portata delle due fantesche che si volevano bene per tutta una giornata da spartire raccontando di quando arrivava carnevale e poi la Pasqua, e poi il Bambino, di un San Bassiano che veniva anche a casa loro con la treccia di castagne, di zio Pierino che si era fatto male sotto un albero ed era morto all’ospedale di Codogno. Tutto con una leggerezza che sapeva di umanità e dedizione, sapore di una carezza quando c’era da pettinare la treccia e dire le orazioni...

Quando si dice che siamo il nostro vissuto, o quel che abbiamo patito da bambini, quanta armonia avvolta in un sogno un po’ paesano… Fioccava parecchio in quegli anni, sotto la neve c’era il pane ma faceva un freddo biscia e non era come dirlo, con niente di pronto e ben poco da spartire… diventava tutto uguale: gli orti, le case, la chiesa, il campanile, le piante messe come giganti a guardia di qualcosa nascosto sotto una coperta immacolata lustra come una pista ghiacciata; e nondimeno, davanti al fuoco o nella cortina per andare nell’orto, continuava il gioco e spuntava il primo germoglio di quella che diventava il mio Donnino dell’aglio: storielle, indovinelli, tanto orazioni e qualche trovata che le riempiva il cuore di remissione:

- Mettiti lo scialle della nonna, prendi un bicchiere di vetro, aggiungici un po’ di zucchero e vieni con me...

- Ma, nonna, fa un freddo che taglia il viso, raccontami un’altra storia mentre rigoverniamo…

- Vieni con me e cerca dove la neve è fresca e non c’è passato il lupo, riempi il tuo bicchiere e mescolalo col cucchiaio, è il bombo che la Madonna ha provvisto per noi poveretti...

- Mamma, nonna, com’è buono... che bello quando sono vicino a te, e quante cose belle mi racconti con semplicità. Quando combino qualche marachella mi prendi da parte e mi parli, e io imparo e faccio tesoro dei tanti insegnamenti… questa la chiameremo la neve nel bicchiere della Rosina Masèra del buon pensiero...

Quanti inverni saranno passati da quando Cirlin dal pes veniva dalla nonna in bicicletta? Forse 10, 11, quando andava al lavoro a Milano col treno ruffiano che racconta tutto seduto in uno scomparto, parlando, magari, di cucina e di ricette con nomi che arrivano da lontano o dalla fantasia di chi riempie le pagine di carta che si trovano abbandonate sui sedili.

Donnino in erba legge: ‘Tiramisù’, lo prepara e porta in punta di piedi nella casa dei due gradini quella che per la nonna sarà la ‘Puccia dolce’ della sua ‘Teresin dai bei bargigli’, la sua nipote prediletta... E, finalmente, nonno pà Carlotto alzò il mustacco per dire che andava bene così…

Marieta e Giuanin pipeta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.