Un anonimo benefattore premia i ragazzi più buoni
Un momento della giornata di ieri al Comprensivo Gramsci di Lodi Vecchio

Lodi Vecchio: contro il bullismo un premio agli alunni più buoni

Un riconoscimento, grazie all’iniziativa di un commerciante rimasto anonimo, per chi aiuta i compagni o protegge i più deboli

Un’iniziativa contro il bullismo e per incentivare i ragazzi ad aiutare i compagni e proteggere i più deboli. Perché «non si tratta solo di non essere bulli, ma anche di essere buoni e diventare bravi cittadini». Parte una gara sui generis alla scuola secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo Gramsci di Lodi Vecchio. Di bontà, per premiare, con regali forniti alla scuola da un anonimo benefattore chi si è distinto per azioni meritevoli nei confronti del prossimo.

Un Babbo Natale ludevegino insomma, che punta a offrire incentivi per rendere il mondo un posto migliore e che ha guardato alla scuola come luogo dove crescono i cittadini di domani.

«Ci fa molto piacere questo interessamento da parte della società civile che dimostra un’attenzione particolare alla scuola» afferma la dirigente Stefania Menin, che sottolinea: «Ci sono situazioni e gesti di bontà che sono già emersi tra i banchi di scuola. Con quest’iniziativa, saranno valutati da una commissione che aggiudicherà poi i premi ai ragazzi selezionati. L’auspicio è che i premi siano un incentivo a fare di più, perché non si tratta solo di non essere bulli, ma anche di essere buoni e diventare bravi cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.