La Mea si allarga ad altri Comuni, in vista una maxi società pubblica
Il presidente della Mea Giorgio Barbini

La Mea si allarga ad altri Comuni, in arrivo una maxi società pubblica

Nel progetto la divisione della gestione della raccolta dei rifiuti da quella del gas

In arrivo novità a Melegnano sul fronte rifiuti e per il futuro della Mea: si va verso l’accordo con Paullo e Zelo per la creazione di una maxi-società dell’igiene ambientale. La conferma ufficiale è arrivata nel consiglio comunale di martedì scorso, in cui le minoranze hanno chiesto di fare chiarezza sulle prospettive della società, oggi partecipata per il 60 per cento dal Comune e per il restante 40 dal socio privato 2i Rete gas.

La proposta è di dare vita ad una nuova società completamente pubblica con il coinvolgimento dei Comuni di Paullo e Zelo, che continuerebbe ad occuparsi dell’igiene ambientale nei tre Comuni del territorio per un totale di 37mila abitanti. «L’obiettivo è quello di rendere il servizio più efficiente, migliorare la qualità ambientale e abbassare i costi a carico della popolazione - spiega il sindaco di Melegnano, Rodolfo Bertoli -. In vista della scadenza del 30 giugno, quando dovremo decidere il futuro di Mea, abbiamo ipotizzato di scindere la Spa, che è stata valutata complessivamente 14 milioni di euro, 12 milioni per il settore gas e due per quello dell’igiene ambientale».

Il pubblico all’incontro

Chi reagisce con minor entusiasmo e maggiori preoccupazioni sono i i 37 lavoratori della Spa. Negli ultimi anni alle parole non sono mai seguiti i fatti - ha incalzato il sindacalista della Rsu Giuseppe Bonfrisco -. A questo punto pretendiamo certezze sul nostro futuro». Concetti ribaditi dal funzionario della Cgil Milano per il settore gas-acqua Furio Trezzi, che ha rilanciato sul tema dell’occupazione. Se ne riparlerà nella seduta consiliare del prossimo 23 gennaio, quando l’assemblea sarà chiamata ad approvare l’atto di indirizzo dell’amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.