Il compostaggio partirà nel 2020, in arrivo 25 nuovi posti di lavoro
Nelle foto l’assemblea pubblica sul nuovo insediamento all’ex Bio.ge.co.

Il compostaggio partirà nel 2020, in arrivo 25 nuovi posti di lavoro

Guardamiglio: svelato il progetto della Ankorgaz, ma non mancano le polemiche

Sara Gambarini

Svelato il progetto della società milanese Ankorgaz sull’ex sito Bio.ge.co. di Valloria: la nuova attività di compostaggio che partirà a primavera 2020 restituirà sul mercato bio-metano per auto trazione insieme a 25 nuovi posti di lavoro, 8 camion in entrata e 4 in uscita in transito lungo l’argine del fiume Po (quelli in uscita potrebbero non esserci se Ankorgaz chiuderà l’accordo con Snam per allacciarsi alle rete gas).

Il tavolo dei relatori

È quanto illustrato martedì sera a Guardamiglio dal consigliere delegato e responsabile del settore ambiente di Ankorgaz Sergio Testa (affiancato dal collega Romolo Ferorelli delle relazioni pubbliche) nell’assemblea pubblica convocata dal sindaco di Guardamiglio Elia Bergamaschi con lo scopo di informare la cittadinanza sul nuovo insediamento “Biomet” di Ankorgaz che sarà operativo per la primavera del 2020 (l’ avvio del cantiere è previsto già il mese prossimo), ufficialmente in Comune di San Rocco al Porto, ma, all’atto pratico, a ridosso della frazione di Guardamiglio, Valloria.

Fra i cittadini però c’è chi promette una dura battaglia: «Non abbiamo alcuna intenzione di tornare a vivere i disagi legati al traffico dei mezzi, ai rumori e alle puzze già vissuti ai tempi di Bio.ge.co. (che produceva compost) - ha attaccato Giacomo Ferrari del Comitato locale a tutela dell’ambiente - non siamo contrari al vostro lavoro, ma in quell’area, in fascia di rispetto, a ridosso dell’argine che ha una valenza idrogeologica, un’attività del genere non ci deve stare, andrebbe riconvertito quello spazio».

Un momento della serata

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.