A Villa Braila l’aula studio è abbandonata: è polemica
Nella foto giovani studenti nell’aula dia villa Braila, aperta dagli universitari ma con una convenzione scaduta con il Comune

Villa Braila, aula studio abbandonata e convenzione scaduta: è polemica

Gli utenti: «Da anni il Comune di Lodi se ne disinteressa, teniamo aperto noi»

Un’aula studio abbandonata. Questa la sensazione che si ha varcando le porte di villa Braila, una sensazione confermata anche dai volontari dell’associazione InBibLo, che dal 2014 si occupa di tenere aperta l’aula studio nei giorni festivi e, negli anni, ha assunto anche il ruolo di intermediario con l’amministrazione sulle necessità degli studenti che la frequentano quotidianamente. «Il problema, innanzitutto, è legato alla convenzione con l’associazione di cui faccio parte – spiega Martina Colombi di InBibLo -. Noi continuiamo a tenere aperta l’aula studio nei giorni festivi, nonostante la convenzione sia scaduta da anni: quando si è insediata l’attuale giunta abbiamo più volte segnalato la situazione, anche perché in campagna elettorale si era più volte sottolineato di voler migliorare il servizio».

Secondo quanto riporta Martina Colombi, ci sono stati degli incontri con l’assessore Lorenzo Maggi e i suoi collaboratori, ma non si è mai trovata una soluzione: «Prima ci hanno proposto di tenere aperta l’aula studio tutti i giorni, sostituendoci così alla custode, che già svolge questo servizio durante la settimana. Noi però siamo volontari e tutti studenti: non potremmo garantirlo» e allora si va avanti con questo tacito accordo e una lettera inviata all’amministrazione è rimasta senza risposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.