Boati nella notte: ha un volto l’unabomber di Sant’Angelo
Il materiale sequestrato dai carabinieri

Boati nella notte: ha un volto l’unabomber di Sant’Angelo

Un 23enne denunciato dai carabinieri: in casa nascondeva 14 bombe

Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Sant’Angelo Lodigiano, hanno denunciato all’autorità giudiziaria un 23enne del luogo, con piccoli precedenti di polizia alle spalle, in quanto resosi responsabile di detenzione e commercio abusivo di materie esplodenti.

I carabinieri si sono immediatamente attivati dopo l’allarme che aveva suscitato qualche notte fa l’esplosione di alcuni potenti petardi nella periferia di Sant’Angelo Lodigiano, suscitando preoccupazione ed allarme fra la cittadinanza.

I militari, al termine di una rapidi attività informativa e meticolosa attività d’indagine, hanno raccolto numerosi e concordi riscontri attestanti che proprio il 23enne aveva venduto a terzi gli artifizi pirotecnici, permettendo ai carabinieri di avviare un mirato servizio di osservazione sull’indiziato.

In data odierna, avuto certezza della presenza del sospettato, i carabinieri della locale Stazione hanno dato corso ad una perquisizione domiciliare d’iniziativa presso l’abitazione dello stesso, rinvenendo 14 petardi, del tipo “cipolla” del peso di 160 grammi cadauno, detenuti illegalmente poiché di fabbricazione assolutamente illegale e privo di ogni forma di etichettatura.

Il materiale pirotecnico del peso complessivo di circa 2,5 kg è stato opportunamente sequestrato e custodito in attesa delle verifiche tecniche e successiva distruzione ad opera dei Carabinieri artificieri in servizio presso il Comando Provinciale di Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.